Fonchim e Faschim

Fonchim e Faschim

Il FONCHIM è il fondo pensioni complementare a capitalizzazione per i lavoratori dell’industria chimica e farmaceutica e dei settori affini. Il fine del fondo è costruire una posizione previdenziale che possa integrare la pensione pubblica. Il denaro versato da ogni associato è investito nei mercati finanziari. Il capitale e i rendimenti sono  accreditati alla posizione personale dell’associato e solo lui può accedervi.

Fonchim è nato dalla contrattazione collettiva del settore chimico- farmaceutico. Lo scopo dei fondi pensione è quello di INTEGRARE la pensione pubblica che, negli anni a venire, sarà sempre meno legata all’ultima retribuzione percepita.
Tutti coloro che hanno cominciato a lavorare dall’1 gennaio 1996, al momento della pensione, si troveranno a percepire una pensione pubblica pari mediamente al 50% dell’ultima retribuzione.Pertanto, il Fonchim non è solo un investimento, ma per la maggior parte dei lavoratori i Fondi Pensione costituiscono una reale necessità, dettata proprio dalla progressiva riduzione del trattamento pensionistico da parte del sistema previdenziale pubblico.

La contribuzione al Fondo ha cadenza mensile, decorre dal mese successivo a quello dell’iscrizione e si compone di 4 voci, previste dai CCNL dei chimici: quota aderente 1,2%; quota azienda 2,10%; contributo TFR (variabile), contributo premorienza 0,20%.Il contributo aderente, il contributo  azienda e il contributo assicurativo vengono dedotti dall’imponibile fiscale direttamente attraverso la busta paga.

L’Assemblea dei Delegati, organo di indirizzo generale del Fondo è composto da 62 rappresentanti di cui 31 di parte datoriale e 31 di parte sindacale.

Il FASCHIM è il fondo di assistenza sanitaria, compresa assistenza odontoiatrica. Possono iscriversi a FASCHIM i lavoratori dipendenti ai quali viene applicato il Ccnl. L’iscrizione del nucleo familiare si intende in aggiunta  a quella del dipendente, quindi con un contributo che si va ad aggiungere a quello già presente per il dipendente. I contributi a carico del dipendente (€ 3) vengono trattenuti mensilmente sulla busta paga. La quota a carico impresa è di € 21. I contributi versati non concorrono alla formazione del reddito imponibile.

FASCHIM offre più possibilità di fronte al proprio bisogno terapeutico, dà garanzia che una parte della propria spesa sanitaria sarà rimborsata, offre un sostegno per le normali cure e gli imprevisti, tutela sia il lavoratore che la sua famiglia.

I  30 delegati componenti l’Assemblea di FASCHIM vengono eletti dagli associati: 15 sono rappresentanti dei lavoratori, eletti dai lavoratori iscritti al Fondo, tra candidati/liste proposte dalle Organizzazioni Sindacali; 15 sono rappresentanti delle imprese.

Notizie correlate: Appello degli ISF Filctem per le elezioni Fonchim

Elezioni Faschim del 19 e 20 febbraio. Appello al voto dell’ISF della Femca

Related posts