News

Rimborsabilità farmaci, Stato e Regioni allargano le famiglie entro cui scegliere. I governatori: “Il Patto per la salute è morto”

Un solo prezzo per ogni patologia? Potrebbe accadere con le medicine visto quanto è scritto nell’intesa stato-regioni. L’accordo in dirittura d’arrivo prevede al punto D1 che il servizio sanitario paghi il farmaco a prezzo più basso non più all’interno della stessa categoria terapeutica omogenea, concetto già “vasto” previsto dal Patto Salute 2014, ma all’interno di una classe, presumibilmente più ampia, di “medicinali terapeuticamente assimilabili”. La nuova “superclasse” sarà individuata di concerto con i rappresentanti dei produttori.

Saranno identificati “cluster” di medicinali con lo stesso effetto, coperti o meno da brevetto, e saranno valutati i sottogruppi di confezioni che consentono la stessa intensità di trattamento per una data patologia (o la dispensazione dello stesso valore di Defined daily dose); quindi, sarà fissato il prezzo massimo di rimborso al prezzo della confezione meno costosa. Il resto lo paga il cittadino. Per inciso, le Regioni vorrebbero inasprire ulteriormente questa disciplina e negli emendamenti all’intesa che si discuteranno il 23 aprile prossimo qualcuna chiede di non pagare nemmeno il prezzo del generico, per i farmaci che non scendono al prezzo più basso, e che si valuti di relegare quei medicinali in fascia C.

«Anche il semplice mettere a carico del paziente la differenza di costo in realtà potrebbe essere rilevante ed avere infinite conseguenze sull’aderenza e persistenza in terapia», afferma Marco Cambielli, vicepresidente Snamid ed esperto di farmacologia, che trova complessa ed inquietante la novità, «perché non è definito in alcun modo il criterio di assimilabilità né nell’intesa né nell’ordinamento italiano; non solo, non è definito nemmeno negli altri stati a che io sappia, in pratica è stato introdotto ex novo». «Già» continua Cambielli «era un salto di qualità il criterio delle categorie terapeutiche omogenee previsto per il nuovo prontuario nel Patto Salute del 2014 e da attuare entro dicembre di quest’anno; infatti voleva dire che non si dispenserebbe il prodotto a prezzo più basso nell’ambito di quelli a base di uno stesso principio attivo bensì il prodotto meno costoso nell’ambito di un’intera classeterapeutica.

E questo già si presta a interrogativi perché ad esempio tra Ace-inibitori con analogo meccanismo d’azione ci sono principi con certi effetti e altri con effetti del tutto diversi e sono rarissimi anche a livello internazionale studi di efficacia e sicurezza “head to head”, che confrontino i diversi principi della stessa famiglia. Se allarghiamo a più famiglie l’ambito di scelta, magari rimborsando uno tra diuretici, Ace inibitori, beta e alfa bloccanti, sartani e calcioantagonisti, quasi nulla conosciamo dei criteri di confronto relativi ai profili di efficacia, sicurezza, farmacocinetica e farmacodinamica». Un salto nel buio? «È una strada difficile e per di più, a quanto pare, imboccata con le industrie ma non con i medici, i soli che conoscono l’efficacia clinica per singoli gruppi di pazienti, in base alla quale, arguisco, si vorrebbe rendere assimilabile un super-insieme di medicinali. Se si vuole risparmiare meglio sarebbe fare come in Francia dove il rimborso dei farmaci è commisurato al servizio medico reso (“Service médicale rendu“) che può essere “forte”, “medio” o “debole” a seconda del farmaco».

Mauro Miserendino – Sabato, 18 Aprile 2015 – Doctor33

Notizia correlata: Allarme farmaci, FederAnziani: saremo costretti a pagarceli di tasca nostra

Regioni: ok a manovra con emendamenti. Da filiera preoccupazioni su farmaceutica

Il Testo dell’Intesa

Gli emendamenti irrinunciabili delle Regioni

Farmaci: Lorenzin, idea folle toccare il fondo per gli innovativi

Roma, 16 apr. (AdnKronos Salute) – No a tagli ‘irragionevoli’ sulla sanità nell’accordo con le Regioni: “Ho visto la proposta di un emendamento per riportare il fondo per l’innovazione” destinato ai farmaci per la cura dell’epatite C “nel tetto. È una follia”. Così il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, questa mattina a margine di in un incontro all’Inail, ha sottolineato la necessità di non far pagare ai cittadini il taglio di oltre due miliardi al fondo sanitario accettato dai governatori. “Io ho proposto – ha ricordato Lorenzin – un fondo per l’innovazione nella legge di stabilità proprio perché è necessario scorporare i due aspetti, se si vuole garantire l’accesso alle cure innovative. Perché togliere un miliardo per gli innovativi significherebbe che i cittadini non avrebbero più, ad esempio, i farmaci oncologici né altri” prodotti importanti.

Farmindustria. Comuicato. Ipotesi di tagli

Se le notizie stampa sui tagli alla farmaceutica fossero confermate, ci troveremmo di fronte a un dejà vu. La riproposizione di vecchie manovre contrarie alla crescita del settore che necessita invece della stabilità delle regole.

Non va bene ad esempio individuare, ai fini del rimborso massimo del Servizio Sanitario Nazionale (SSN), gruppi di medicinali terapeuticamente assimilabili che addirittura possono comprendere contemporaneamente farmaci a brevetto scaduto e altri ancora sotto copertura brevettuale.

Un approccio che disconosce il valore della Ricerca e gli ingenti investimenti delle imprese.

Sorprende poi anche la possibilità di ridurre i prezzi dei medicinali biotech, già venduti su base d’asta, con forti sconti al SSN e penalizzati da alti costi di ripiano previsti da tetti di spesa palesemente inadeguati.

Trattare così le imprese farmaceutiche che con il loro impegno hanno fatto crescere export e occupazione fa male al Paese e alla sua economia.

Farmindstria – 16/04/2015

Sanità, scontro aperto tra lo Stato e le Regioni. I governatori: “Il Patto per la salute è morto”

A rischio anche esenzioni da ticket per le patologie croniche

Tra il governo e le Regioni è in atto un vero e proprio scontro politico. La materia del contendere sono i tagli imposti dalla manovra di finanza pubblica al Fondo sanitario regionale. Entro poco tempo i presidenti delle Giunte dovranno decidere di tagliare la spesa sanitaria per un ammontare che sfiora i 2,5 miliardi di euro solo per l’anno in corso, avvertono che non sono in grado di subire altri tagli e mirano a rivedere il Patto per la salute nel suo complesso.

Il Fondo sanitario nazionale “non è un bancomat per le Regioni”, ha rimarcato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin dopo aver letto le lamentele provenienti dalla Conferenza Stato-Regioni. “Il sacrificio si può fare quest’anno – aggiunge – ma da subito andrà applicato il Patto per la salute. Dal prossimo anno – ha concluso – è necessario che le Regioni mantengano il patto di stabilità”.

“L’intesa con le Regioni è stata cercata, abbiamo fatto proposte che non vanno nell’ottica dei tagli lineari – ha detto ancora il ministro – e abbiamo detto no alla classica proposta facile del taglio della spesa farmaceutica, a quella dei device e della spesa convenzionata”. Considerando che le Regioni hanno chiesto di non utilizzare l’incremento di quest’anno, di due miliardi, “abbiamo chiesto invece di anticipare il Patto per la salute”. “Quindi – ha proseguito – gran parte di queste risorse verrà proprio dal Patto per la salute, ovvero da una razionalizzazione su forniture e servizi, come già previsto”.

L’invito che il ministro fa alle Regioni è quello di “seguire una via del rigore”. Le Regioni hanno risposto con durezza spiegando che considerano “morto” il Patto per la salute siglato nel 2014. Ora sono tante le voci di spesa esposte al pericolo del taglio lineare. Nel mirino di alcuni governatori ci sarebbero anche i fondi per il farmaco contro l’epatite C e i farmaci innovativi: una scelta capace di azzerare le speranze di decine di migliaia di pazienti. La stessa sorte potrebbe toccare alle esenzioni ticket. Molte delle venti Regioni vorrebbero eliminare diverse facilitazioni per patologia e prendere in considerazione solo il reddito dei pazienti. Resta quindi pressoché impossibile che si arrivi ad un aggiornamento e a un potenziamento dei Livelli essenziali di assistenza (Lea). Senza un aumento dei finanziamenti non ci potrà essere un miglioramento dei servizi erogati sul territorio.

Autore: Matteo Mascia,  20 Apr 2015 –  OMAR

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button