Primo Piano

Salvate la Ricerca in Siena Biotech. Firmate la petizione

Il 22 dicembre 2014 il socio unico FMPS ha deciso improvvisamente di mettere in liquidazione la società, interrompendo l’attività di ricerca e avviando una procedura di licenziamento per tutti i ricercatori.

FIRMA

Questa petizione sarà consegnata a:

Ministro della Salute

Beatrice Lorenzin
Presidente del Consiglio dei Ministri

Matteo Renzi
Presidente della Repubblica Italiana

Sergio Mattarella

Risultati immagini per siena biotech liquidazioneSiena Biotech è una società di ricerca farmaceutica nata nel 2000 per volontà della Fondazione Monte dei Paschi di Siena (FMPS) con l’obiettivo di individuare cure farmacologiche per pazienti affetti da malattie rare e malattie neurodegenerative come il morbo di Huntington e di Alzheimer, che purtroppo ad oggi non hanno cura.

In poco più di dieci anni, Siena Biotech ha sviluppato nuove molecole che sono arrivate in fase di sperimentazione clinica su pazienti con importanti risultati. Il valore delle attività svolte in Siena Biotech è stato riconosciuto a livello internazionale attraverso collaborazioni con importanti istituti di ricerca italiani e stranieri e multinazionali farmaceutiche, e la partecipazione a progetti finanziati dall’Unione Europea.

Questa realtà rappresenta un’eccellenza nell’ambito della ricerca scientifica farmaceutica nel nostro Paese.

Tutto questo sta per finire!

Il 22 dicembre 2014 il socio unico FMPS ha deciso improvvisamente di mettere in liquidazione la società, interrompendo l’attività di ricerca e avviando una procedura di licenziamento per tutti i ricercatori.

Vorremmo che tutto ciò non si verificasse!

Come lavoratori, chiediamo alle Istituzioni di individuare soluzioni concrete affinché Siena Biotech possa continuare ad esistere, trasformandosi in una nuova realtà di ricerca, e non ne siano dispersi il valore scientifico e il capitale umano.

I ricercatori di Siena Biotech

change.org

________________________________________________________________

Siena, i ricercatori occupano l’azienda “Vogliamo finire la sperimentazione”

In gioco ci sono le sorti di 6mila persone colpite dal morbo di Huntington. Avviati i licenziamenti collettivi alla Siena Biotech, coinvolta nel crack della Fondazione Mps

Risultati immagini per siena biotech liquidazione– Un farmaco per la cura di una terribile malattia degenerativa, il “morbo di Huntington”, in fase di sperimentazione, rischia di essere cancellato per colpa del crack di Fondazione Mps. Il medicinale è stato sviluppato dalla Siena Biotech, un’eccellenza italiana nel campo della ricerca scientifica, che rischia di morire. Fino ad oggi l’azienda dà lavoro a 51 persone, tra biologi e chimici.

Il 13 febbraio, racconta la “Stampa”, alla Siena Biotech si sono accorti che tutte le loro speranze di completare il progetto iniziato stavano per naufragare. E da allora gli addetti hanno deciso di occupare la sede. Proprio pochi minuti dopo che il liquidatore nominato dalla Fondazione, socio unico dell’azienda, aveva comunicato l’avvio della procedura di licenziamento collettivo.

Così facendo, aveva messo la parola fine alla speranza di trovare una cura per quella che chiamano la “malattia che danza”: un morbo che colpisce i muscoli provocando movimenti incontrollati, che conta 6mila casi in Italia, 100mila in Europa. Per tutte le persone colpite non ci sono cure: la speranza risiede tutta nelle sperimentazioni. Una di queste si chiama, o si chiamava, Selisistat, il farmaco che si stava studiando nei locali dell’impresa senese.

I ricercatori non ci stanno e chiedono almeno “di finire la sperimentazione”. Sono a un passo dalla fase 3, quella più difficile e più costosa, che potrebbe decidere le sorti di tante persone che soffrono per gli effetti devastanti della malattia.

I ricercatori intendono fare sul serio. Vanno avanti con il loro presidio dei locali, a turni di dieci persone. Dicono che è assurdo bloccare una ricerca arrivata a una fase così avanzata. Precisano che non c’è la certezza che quel farmaco porti la tanto agognata cura, ma non vogliono fermarsi proprio adesso: pretendono di poter concludere i lavori e arrivare alla conclusione.

Anche le famiglie dei malati hanno espresso le loro preoccupazioni e si augurano che la situazione si possa risolvere. Ed è anche stata avanzata l’ipotesi che qualcuno compri il composto realizzato alla Siena Biotch per completare i lavori. Si stima che servano 30 milioni in due anni. Ma per adesso nessuna certezza.

25 febbraio 2015 – TGCOM24

Notizie correlate: SIENA BIOTECH, L’ATTACCO DI PARLANGELI

Siena, Camusso incontra lavoratori Biotech

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button