Sicilia. La salute ai tempi della crisi: prescrizioni ristrette e pazienti in difficoltà

Sicilia. La salute ai tempi della crisi: prescrizioni ristrette e pazienti in difficoltà

Succede, per esempio, che i medici di famiglia da quando è entrata a regime la cosiddetta “appropriatezza delle prescrizioni”, sono sostanzialmente terrorizzati dalle conseguenze che un accertamento e il riscontro di una eventuale “inappropriatezza”, potrebbero provocare.

Il rischio di finire sotto la tagliola dei controlli e delle verifiche per farmaci prescritti o accertamenti diagnostici giudicati non appropriati, c’è sempre e in Sicilia, appunto, ha di fatto spinto molti medici a ridurre al minimo le prescrizioni. Ma perché? Dice ancora Gibiino: «Perché chi viene accusato di avere sbagliato viene tartassato con ingiunzioni, sanzioni economiche pesantissime, con accertamenti che, spesso, hanno colpito l’intera categoria quasi come con una rappresaglia indiscriminata anche quando si partiva dall’accertamento di presunte inappropriatezze soltanto di qualche medico. Questo suggerisce a molti medici, appunto, di limitarsi nelle prescrizioni». Eppure se la legge dice che puoi prescrivere un’analisi per il colesterelo ogni cinque anni,  lo saprà, dall’altra parte bene il medico se un paziente necessita di una verifica di laboratorio in tempi più ridotti. E, però, se prescrive rischia. Ma c’è di più. C’è che anche sui farmaci la stretta colpisce i malati. Anche quando servirebbero e anche tanto. Esempi? Esempi ce ne sono tanti, basta ricoleggarsi alla cronaca degli ultimi mesi.

( … )

(estratto. Articolo completo su LA SICILIA,it di Venerdì 08 Luglio 2016)

Notizie correlate: Sicilia. Effetto Lorenzin (Ncd) sulla sanità Medici atterriti, pazienti calpestati

Trapani. Nuove norme su prescrizione farmaci, l’OdM chiede sospensione decreto regionale

Campania, in vigore il decreto sull’appropriatezza prescrittiva

“Regioni non possono intervenire su libertà prescrittiva del medico”. Il Tar Lazio boccia Delibera regionale che limitava uso farmaci coperti da brevetto in presenza di generici

 La sentenza del Tar Lazio La limitazione (o, comunque, il condizionamento) della libertà del medico di scegliere il farmaco da prescrivere al proprio paziente è un aspetto che incide sul diritto alla salute riconosciuto dall’art. 32 della Costituzione. (TAR del Lazio Sentenza N. 14044/2015)

Appropriatezza prescrittiva, Lorenzin: ancora in fase sperimentale. Nessuna sanzione per i medici inadempienti

Decreto Lorenzin, medici in croce, pazienti senza cure: istruzioni per l’uso

Decreto appropriatezza

Decreto appropriatezza. Circolare applicativa

Come sta il Servizio sanitario

 

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!