News

Svizzera. Aziende farmaceutiche: boom di dividendi

Pioggia di contanti per gli azionisti di Roche, Novartis & Co.

I premi finanziano grossi dividendi farmaceutici

Ogni anno, le grandi aziende farmaceutiche trasferiscono miliardi di euro ai propri azionisti, sovvenzionati involontariamente da malati e assicurati di tutto il mondo.

Blick – 18.09.2022

I costi sanitari in Svizzera aumentano di anno in anno e con essi i premi dell’assicurazione sanitaria. Per il 2023, l’organizzazione Santésuisse  prevede un aumento dei premi del dieci percento.

Le ragioni dell’aumento dei costi sono molteplici. Compagnie di assicurazione sanitaria che intascano premi eccessivi. Gli assicurati che corrono dal medico per ogni puntura di zanzara. Medici che eseguono interventi chirurgici non necessari e prescrivono farmaci troppo cari. Produttori di farmaci che applicano prezzi gonfiati e incassano enormi profitti.

I premi stanno esplodendo, così come i profitti

Quest’ultimo fa piacere agli azionisti di Big Pharma. Negli ultimi 20 anni hanno potuto beneficiare di una distribuzioni di utili sempre più elevate.

Un’analisi di SonntagsBlick mostra che nel 2002 i giganti del settore Astrazeneca, Bristol-Myers Squibb, GlaxoSmithkline, Johnson & Johnson, Merck, Novartis, Pfizer e Roche hanno distribuito dividendi per un totale di 17,9 miliardi di dollari. Nel 2021, queste società hanno pagato 54,4 miliardi di dollari, il triplo.

Gli ultimi due decenni sono stati particolarmente redditizi per gli azionisti dei colossi farmaceutici svizzeri. Novartis ha distribuito 100,6 miliardi di dollari di dividendi. Nel 2002, Daniel Vasella (69) guidava il gruppo. Un uomo non esattamente noto per la sua modestia. Con lui al timone, le distribuzioni di utili agli azionisti sono state di 1,7 miliardi di dollari. Nel 2021 sono state 7,4 miliardi.

Roche ha pagato 110,6 miliardi di dollari tra il 2002 e il 2021. Nel 2002, la società ha pagato 1,3 miliardi di dollari in dividendi relativamente modesti. Negli ultimi tre anni è stato l’equivalente di circa otto miliardi. La metà è andata alla famiglia Oeri-Hoffmann.

I dividendi dell’industria farmaceutica sono in definitiva finanziati dai contribuenti. Qualcuno probabilmente si chiederà: è legittimo che gli importi aumentino anno dopo anno?

L’industria farmaceutica vuole sempre di più

L’Ufficio federale della sanità pubblica (BAG) non vuole commentare la distribuzione degli utili delle aziende farmaceutiche. Per quanto riguarda i prezzi dei farmaci, invece, l’ufficio riporta: “Le richieste di prezzo dell’industria farmaceutica sono aumentate notevolmente negli ultimi anni”.

Nonostante le misure esistenti come la revisione triennale con riduzioni dei prezzi, nel settore farmaceutico si può osservare una “crescita dei costi molto superiore alla media”. Il BAG sottolinea che questo sviluppo viene osservato con preoccupazione. “Pertanto, al momento, la legge e le ordinanze sono in fase di revisione, il che dovrebbe portare al contenimento dei costi”.

Nel frattempo, il settore è ben lungi dall’essere responsabile dell’aumento dei premi dell’assicurazione sanitaria. “I farmaci non sono fondamentalmente un fattore di costo nel sistema sanitario svizzero”, afferma la portavoce di Roche Barbara von Schnurbein. Al contrario: i medicinali contribuiscono al fatto che è possibile risparmiare altrove nel sistema sanitario, ad esempio durante la degenza in ospedale.

La quota dei medicinali nella spesa sanitaria in Svizzera è stabile da oltre dieci anni intorno al 12%. “Inoltre, il prezzo dei medicinali è regolato dallo stato ed è molto trasparente grazie a documenti e processi standardizzati”, continua von Schnurbein.

L’industria non si sente responsabile.

Il portavoce di Novartis Satoshi Sugimoto sostiene allo stesso modo: “I prezzi dei farmaci in Svizzera sono decretati dal BAG, che anche rivede e abbassa i prezzi ogni tre anni”. L’industria farmaceutica è quindi l’unico attore del sistema sanitario svizzero che contribuisce in modo significativo al contenimento dei costi attraverso controlli istituzionalizzati dei prezzi.

L’industria nega con veemenza che gli assicurati utilizzino i loro premi per finanziare le distribuzioni degli utili in costante aumento. “L’aumento dei premi negli ultimi anni non ha nulla a che fare con i dividendi”, afferma Samuel Lanz, responsabile della comunicazione presso l’associazione di settore Interpharma.

Il motivo dell’aumento dei dividendi non è l’aumento delle vendite in Svizzera, ma il successo globale dell’industria farmaceutica svizzera. «È un errore credere che la Svizzera finanzi i profitti delle aziende farmaceutiche. Questi sono generati a livello internazionale”.

Notizie correlate: Sante Suisse. L’allarmante incremento dei costi richiede un intervento urgente

Roche ha annunciato che la Commissione europea ha approvato Vabysmo (faricimab) per il trattamento della degenerazione maculare

Il boom del settore farmaceutico in Algeria

 

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button