USA. Purdue Pharma raggiunge accordo provvisorio per casi oppioidi. Scioglimento della società e 12 miliardi di indennizzi

USA. Purdue Pharma raggiunge accordo provvisorio per casi oppioidi. Scioglimento della società e 12 miliardi di indennizzi

L’azienda farmaceutica produttrice del controverso farmaco oppiaceo OxyContin, Purdue Pharma, ha raggiunto un accordo provvisorio con 22 stati e oltre 2.000 città e contee degli Stati Uniti che hanno fatto causa alla società per il suo presunto ruolo nella crisi degli oppiacei nel paese.

Secondo quanto riferito dalla stampa statunitense, l’accordo, descritto da due persone coinvolte nelle trattative, comporta lo scioglimento di Purdue Pharma nella sua forma attuale, la costituzione di una nuova società che continuerà a vendere l’OxyContin, i cui proventi saranno destinati a una società, beneficiario pubblico, che pagherà i querelanti.

L’affare è stato valutato di circa 12 miliardi di dollari. Purdue Pharma donerà anche farmaci “di salvataggio”, molti dei quali sono in fase di sviluppo, per il trattamento della dipendenza e l’inversione del sovradosaggio. Più di una dozzina di altri Stati rimangono però contrari o non interessati all’accordo, preparando il terreno per una battaglia legale.

11 set 2019 – Agenzia Nova

Nota: Mercoledì, 23 stati e tre territori hanno detto al giudice che sostengono il piano, che prevede che i proprietari Sacklers (foto a destra) presentino istanza di fallimento e cedano la gestione di Purdue a un trust controllato dagli stati e a persone che hanno familiarità con i negoziati. La famiglia garantirebbe di pagare $ 3 miliardi, generati dalla vendita di un’unità nel Regno Unito. (Bloomberg)

Notizie correlate: Purdue Opioid Plan Pits State Against State on Epidemic Cost

Farmaceutica: la famiglia Sackler avrebbe trasferito in Svizzera un miliardo di dollari

Related posts