News

Ausl di Parma: nelle Case della salute farmaci distribuiti dai medici

Risultati immagini per casa della salute parmaPrima era soltanto un sospetto, forte ma privo di riscontri inconfutabili. Ora ci sono le prove: nelle Case della salute dell’Asl di Parma i farmaci della diretta vengono dispensati dai medici. Lo conferma il comunicato diffuso nei giorni scorsi dalla direzione aziendale per annunciare la prossima inaugurazione della Casa della salute di Fontanellato, comune parmense di settemila abitanti circa. Nella struttura, scrive l’Asl, troveranno posto «gli ambulatori di cinque medici di famiglia e di un pediatra di libera scelta, affiancati da un collaboratore di studio e da un infermiere», più i servizi distrettuali: «pediatria di comunità, salute mentale, consultorio familiare, assistenza infermieristica domiciliare e punto prelievi».

E la distribuzione diretta? «E’ garantita dai medici di famiglia» rassicura il comunicato, «mentre i diabetici e le persone che necessitano di altri presidi saranno contattati telefonicamente per concordare il luogo del ritiro». Se fossimo in un giallo di Ellery Queen, questo sarebbe il momento in cui il colpevole si tradisce e confessa. «Avevamo voci che riferivano di farmaci della diretta dispensati dai curanti in servizio nelle Case della salute dell’Asl (una quindicina, che però diventeranno più di venti nel 2017, ndr)» spiega a Filodiretto il presidente di Federfarma Parma, Alessandro Merli «però finora non eravamo riusciti ad avere conferme tangibili. Ora invece è l’Asl stessa a metterlo nero su Risultati immagini per ausl parmabianco. E da quanto abbiamo saputo dopo, i farmaci vengono consegnati dal medico in pacchettini chiusi con il nome del paziente stampato sopra».

Alle farmacie del territorio la cosa non va giù. «Abbiamo subito contattato l’Ordine dei farmacisti perché verificasse» prosegue Merli «ma il loro avvocato ci ha detto che il servizio sarebbe organizzato in modo da rispettare le norme di legge. Ci siamo allora rivolti alla Fimmg e allo Snami, ma pure da loro abbiamo avuto le stesse risposte». Federfarma però non intende mollare: «Abbiamo inviato una lettera di protesta all’Asl, nella quale chiediamo perché di recente l’Azienda ha recepito l’accordo regionale e ampliato la dpc se poi fa distribuire la diretta ai medici». Per ora nessuna risposta, ma tra qualche giorno se ne riparlerà faccia a faccia. «L’11 novembre abbiamo un incontro tecnico con l’Asl sulle procedure tecniche della dpc» conferma Merli «ne approfitteremo per mettere sul tavolo la questione. Certo, avremmo bisogno di qualche puntello legale sufficientemente robusto».

(AS -27/10/2016 – Federfarma)

Notizie correlate: Fontanellato, nuova Casa della Salute: servizi sanitari trasferiti

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button