Il CEO di Sanofi licenziato dopo le tensioni nel Consiglio Di Amministrazione

Il CEO di Sanofi licenziato dopo le tensioni nel Consiglio Di Amministrazione

By Albertina Torsoli and Simeon Bennett  Oct 29, 2014 – Bloomberg

Sanofi ha licenziato il CEO (Chief Executive Officer) Chris Viehbacher , ponendo fine a una permanenza di sei anni in cui ha causato tensioni con i membri del consiglio e con i politici francesi spostando la sede della casa farmaceutica negli Stati Uniti e ristrutturando il funzionamento delle ricerche in difficoltà.

L’azienda, con sede a Parigi, ha detto in una dichiarazione che il Consiglio di Sanofi ha votato all’unanimità per rimuovere Viehbacher in una riunione di oggi, I rapporti tra l’amministratore delegato Viehbacher e il consiglio non erano abbastanza vicini ed era impossibile eseguire adeguatamente la strategia della società, ha detto il presidente Serge Weinberg, che andrà a sostituire Viehbacher fino a trovare un successore. Egli ha rifiutato di commentare i potenziali candidati per il posto di lavoro, ma ha detto che la nazionalità non sarà un fattore di scelta.

“Ci sono stati numerosi problemi,” ha detto Weinberg in una telefonata con i giornalisti oggi. “Problemi di gestione, problemi di cooperazione con i problemi di strategia e di esecuzione.” Ha citato come esempi dei difetti del CEO la cattiva gestione del magazzino in Brasile lo scorso anno e il fatto che Viehbacher non aveva informato il consiglio in anticipo dei suoi sforzi per vendere un portafoglio di 8 miliardi di dollari di prodotti maturi.

Sanofi (SAN) è sceso del 4 per cento a 71,56 € alle 12:55 pomeridiane a Parigi. Lo stock ha perso 11 per cento di ieri, la maggior parte in quasi 16 anni, dopo che Sanofi ha sorpreso gli investitori dichiarando la vendita della sua divisione diabete con la spiegazione che sarebbe stata piatta l’anno prossimo, e gli investitori hanno ipotizzato che l’amministratore delegato sarebbe stato estromesso. Il declino di questa settimana ha spazzato via circa € 17.300.000.000 ($ 22 miliardi di euro) del valore di Sanofi, Francia la seconda più grande azienda in base al valore di mercato.

Nessuna sostituzione

“Sono sbalordito,” Fabian Wenner, analista di Kepler Cheuvreux a Zurigo, ha detto per telefono oggi. “Solo licenziare senza avere un sostituto non fa che peggiorare le cose. Avrei un po ‘paura di come avvengono le cose qui. ”

La partenza di Viehbacher, che aveva anche una sede di bordo, può deludere alcuni investitori che hanno applaudito la sua revisione della casa farmaceutica. Durante il suo mandato, Sanofi ha chiuso alcuni progetti di ricerca poco promettenti, tagliato posti di lavoro e chiuso stabilimenti in Francia, e ha fatto acquisizioni negli Stati Uniti, in particolare l’acquisto per 20,1 miliardi dollari di società di biotecnologie Genzyme Corp. nel 2011. Viehbacher ha detto che voleva Sanofi di operare più come Genzyme .

“Gli alti hanno generalmente superato i bassi,” Tim Anderson , analista di Sanford C. Bernstein a New York , ha scritto in una nota. “La nostra percezione è che Viehbacher ha avuto il sostegno della comunità degli investitori il più delle volte.”

Le persone con conoscenza della materia hanno detto questa settimana che Viehbacher ha scritto al Consiglio nel mese di settembre per chiedere delle voci che Weinberg è alla ricerca di un nuovo CEO,.

Il processo decisionale

Viehbacher, un cittadino del Canada e Germania, che in precedenza ha lavorato presso GlaxoSmithKline Plc, si trasferì nella zona di Boston da quest’anno, che riunisce alcuni altri membri del comitato esecutivo di 12 persone che hanno la loro residenza principale negli Stati Uniti

La mossa è arrivata dopo che i funzionari del governo francese si sono detti preoccupati che il processo decisionale aziendale stava lasciando il paese, illustrato da ultimo con lo sforzo di General Electric Co. per comprare Alstom SA.

Il piano di Viehbacher a tagliare posti di lavoro di ricerca a Tolosa e Montpellier nel 2012 ha attirato la condanna da allora ministro dell’Industria Arnaud Montebourg , che ha detto che era “abusiva”, perché Sanofi ha guadagnato € 8.800.000.000 dell’utile dell’esercizio precedente.

Weinberg, 63 anni, è un ex amministratore delegato del rivenditore PPR SA. Si è laureato presso l’elite Ecole Nationale d’Administration, un campo di addestramento per i dirigenti aziendali francesi e funzionari di governo, e ha lavorato come capo di stato maggiore di Laurent Fabius quando era ministro del bilancio nei primi anni 1980.

Il governo non ha avuto alcun ruolo nella cacciata di Viehbacher, e ogni speculazione fatta dagli investitore è “fantasia totale”, ha detto il ministro dell’Economia, Emmanuel Macron in un messaggio di testo di oggi. “Capisco che la decisione del consiglio di amministrazione è stata molto consensuale.”

Per notizie e informazioni correlate: di Sanofi delegato ha detto Di fronte a pressioni da parte alcuni membri del consiglio (3)

Per contattare il reporter su questa storia: Albertina Torsoli a Ginevra a atorsoli@bloomberg.net ;Simeon Bennett a Ginevra a sbennett9@bloomberg.net

Per contattare la redazione responsabile di questa storia: Phil Serafino apserafino@bloomberg.net Thomas Mulier

Notizia correlataQuelques questions sur le départ d’un grand patron (Les Echos)

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!