Colloqui di lavoro all’americana – Istruzioni per l’uso

Colloqui di lavoro all’americana – Istruzioni per l’uso

Pharma è diventata anche inefficiente!
Nonostante la spesa 50 miliardi di dollari all’anno in ricerca e sviluppo, i nuovi farmaci di Pharma sono meno efficaci dei farmaci sviluppati 40 anni fa.
 
Cattive notizie sono arrivate ai consumatori. I farmaci non funzionano. Oppure, non funzionano così come una volta. Nonostante i prezzi esorbitanti per i nuovi farmaci, e nonostante le dichiarazioni sui costosi sforzi di R & S che stanno portando in alto i prezzi, resta il fatto che i nuovi farmaci costano di più e fanno di meno.
La ricerca pubblicata il lunedì 6 giugno ha mostrato che l’efficacia di nuovi farmaci, confrontando la risposta dei pazienti a tali trattamenti per coloro che assumevano un placebo, è crollata dal 1970 in poi.
Il nuovo studio sulla rivista Health Affairs ha esaminato 315 studi clinici che hanno confrontato un farmaco con un placebo e sono stati pubblicati in quattro delle riviste mediche più importanti del mondo (BMJ, Journal of American Medical Association, Lancet e New England Journal of Medicine) dal 1966 al 2010. I farmaci comprendono l’intera gamma delle malattie umane: malattie cardiovascolari e infezioni al cancro, disturbi mentali e malattie respiratorie.
Nei primi anni, i farmaci battevano facilmente il placebo: erano, in media, 4,5 volte più efficaci, in cui efficacia significa quanto bene avevano abbassato la pressione sanguigna, i tumori vinti, sollevati dalla depressione o fatto qualsiasi altra cosa a cui erano destinati.
Ma la linea di tendenza è inesorabilmente in discesa, hanno scoperto il dottor Mark Olfson della Columbia University e lo statistico Steven Marcus della University of Pennsylvania. Dal 1980 i farmaci erano meno di quattro volte migliori, dal 1990, due volte più buoni, e dal 2000 solo il 36 per cento si è dimostrato meglio del placebo. Poiché i farmaci precedenti erano molto più efficaci del placebo, e quelli più recenti solo leggermente, questo significa che i farmaci più vecchi sono stati in genere più efficaci di quelli più recenti.
Se questa deludente (anche se un po ‘sorprendente) notizia non è risultata essere stata abbastanza dannosa per il settore, molte persone hanno sviluppato una diffidenza per il  passaggio al  piano sanitario nazionale che renderà tutto questo ancora peggio.
La legge ha istituito un istituto di ricerca indipendente per confrontare l’efficacia dei diversi trattamenti per la stessa condizione. In questo modo, i pazienti così come gli assicuratori privati ??e i programmi di governo come Medicare possono smettere di pagare per terapie meno efficaci. Se la nuova analisi è corretta, allora "la ricerca comparativa" potrebbe concludere che i farmaci più vecchi, che hanno  più probabilità di essere generici, sono migliori dei nuovi marchi costosi che forniscono la maggior parte dei profitti per le case farmaceutiche.
Beh, questa parte è una buona notizia per i consumatori, o per lo meno per i beneficiari del nuovo piano sanitario. Se il farmaco più efficace è anche il più economico… praticamente ognuno vince.  Le aziende farmaceutiche non saranno felici, ma questo è davvero colpa loro. Spesso propo

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!