News

Emma Walmsley è il nuovo Amministratore Delegato di GSK

Emma Walmsley è stata nominata Chief Executive Officer di GlaxoSmithKline plc dal 1 Aprile 2017.

Emma è entrata in GSK nel 2010 come responsabile di Consumer Healthcare, l’Europa e successivamente è stato nominata Presidente della GlaxoSmithKline Consumer Healthcare. E ‘stata membro del Team Corporate Executive di GSK dal 2011 e, nel 2015, è stata nominata amministratore delegato di GSK Consumer Healthcare, una joint venture tra GSK e Novartis. Emma è entrata nel consiglio di amministrazione di GSK il 1 Gennaio 2017.

Prima di entrare in GSK, Emma ha lavorato con L’Oreal per 17 anni dove ha ricoperto diversi ruoli di marketing e di gestione generale a Parigi, Londra e New York. Dal 2007, è stata General Manager a Shanghai di Consumer Products per L’Oreal Cina. Emma era un direttore non esecutivo di Diageo plc dal 1 gennaio – 21 settembre 2016. Ha conseguito un Master in Lingue Classiche e Lingue Moderne presso l’Oxford University.

GSK

Il Nuovo CEO GlaxoSmithKline guadagnerà il 25% in meno rispetto il suo predecessore

GSK dice che la paga potenziale di £ 8,8 milioni all’anno di Emma Walmsley è inferiore a causa di una minore esperienza

Risultati immagini per sterlineIl nuovo amministratore delegato di GlaxoSmithKline, Emma Walmsley, verrà pagato il 25% in meno rispetto il suo predecessore, Sir Andrew Witty.

La più grande azienda farmaceutica della Gran Bretagna ha detto che la sua potenziale paga di £ 8,8 milioni all’anno è inferiore a quella di Witty, che è arrivato ad un totale massimo di £ 11,6 milioni, perché è meno esperta del suo predecessore, che ha trascorso otto anni come amministratore delegato. GSK ha aggiunto che gli investitori avevano chiesto alla società di dar prova di moderazione sulla remunerazione dei dirigenti.

Walmsley sarà la donna più potente del settore farmaceutico quando prenderà il timone il prossimo mese dopo che è data promossa dalla guida del settore sanitari di consumo di GSK, i cui prodotti includono Sensodyne dentifricio e antidolorifici Panadol.

Urs Rohner, l’amministratore non esecutivo che presiede il comitato per la remunerazione di GSK, ha dichiarato: “Tenendo conto del fatto che questo è il primo ruolo di CEO di Emma, ​​sono stati considerati per la riduzione tutti gli elementi del suo pacchetto retributivo rispetto al regime di Sir Andrew. Il suo pacchetto globale per il 2017 sarà di circa il 25% inferiore a quella ricevuta da Sir Andrew.”

Secondo il rapporto annuale , il suo stipendio è costituito da quattro elementi della retribuzione: uno stipendio base £ 1m, che è inferiore del 10% rispetto a Witty; Il 20% del suo stipendio sarà versato per la pensione, che GSK dice che è “significativamente inferiore” rispetto Witty, che aveva una più generosa disposizione di benefit; un bonus annuale che può arrivare fino al 100% del suo stipendio, o 200% in circostanze eccezionali – inferiore al 125% dello stipendio che Witty avrebbe potuto ottenere; e un premio del piano di incentivazione a lungo termine di azioni per un valore fino a 550% del suo stipendio, meno del 700% di quello che Witty avrebbe potuto ricevere.

Rohner ha indicato che il nuovo amministratore delegato potrà aspettarsi aumenti di stipendio in futuro. Ha detto inoltre che “è intenzione del comitato di mantenere il pacchetto retributivo di Emma in esame nei prossimi anni in reazione alla crescita e alle prestazioni nel ruolo”.

The Guardian – 14 mar 2017

Notizie correlate: Emma Walmsley nuovo CEO di GlaxoSmithKline 

Le 4 sfide che attendono Emma Walmsley, neo CEO di GSK

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button