News

Federsalus presenta l’evento di Dubai in cui racconterà il modello italiano degli integratori

L’evento, organizzato in occasione della Health & Wellness Week in collaborazione con Cluster Alisei, promuove il ruolo centrale degli integratori alimentari per il mantenimento della salute e del benessere

L’evento, organizzato in occasione della Health & Wellness Week in collaborazione con Cluster Alisei, promuove il ruolo centrale degli integratori alimentari per il mantenimento della salute e del benessere

Il dinamismo e l’innovazione del comparto italiano degli integratori alimentari e il trend crescente del loro consumo saranno il tema centrale dell’evento co-organizzato da FederSalus, Associazione italiana rappresentativa del settore degli integratori alimentari, e Alisei, Cluster Tecnologico Nazionale Scienze della Vita, dal titolo “The Italian model for Food Supplements in health promotion and disease prevention” che si terrà lunedì 31 gennaio, alle 11,00 (ore 8 italiana), presso l’Anfiteatro del Padiglione Italia di Expo 2020 Dubai.

Il settore degli integratori alimentari in Italia rappresenta un vero e proprio punto di forza per il Paese, con oltre 2.500 aziende e circa 22.000 addetti. Nel 2021 il valore di mercato è stato pari a circa 4 miliardi, registrando una crescita del 6,8% rispetto all’anno precedente. Questa forte accelerazione è senza dubbio dovuta a una maggiore consapevolezza da parte dei consumatori sul ruolo degli integratori alimentari e alla prontezza del settore nel rispondere alle esigenze delle persone, sempre più attente al mantenimento del buono stato di benessere e salute. Secondo la VI Indagine di settore condotta da FederSalus, infatti, salute e benessere sono temi prioritari per il 92% della popolazione.

La solidità del mercato italiano degli integratori alimentari, inoltre, trova conferma nella crescente attività verso i mercati esteri, che rappresenta una leva di sviluppo fondamentale con ampi margini di espansione. I mercati europei sono sicuramente un punto di riferimento per le aziende italiane, che però si stanno orientando sempre di più anche verso altri Paesi come Emirati Arabi, Stati Uniti, Cina e Russia.

Illustri esperti del settore condivideranno la loro esperienza attraverso un dialogo costruttivo sul ruolo fondamentale degli integratori alimentari, riflettendo su quanto questi prodotti possano avere un impatto sulla salute globale, riducendo e contenendo i costi per il sistema sanitario nazionale, come racconta l’esperienza italiana.

Germano Scarpa Presidente di FederSalus, aprirà una tavola rotonda illustrando il punto di vista dell’industria del settore. In rappresentanza delle istituzioni italiane negli Emirati Arabi Uniti interverranno, nel corso dell’incontro, il Console Generale d’Italia a Dubai Giuseppe Finocchiaro e Alessandro Lamura Deputy Trade Commissioner presso l’Ufficio ICE di Dubai, partecipazione che vuole sottolineare la stretta sinergia che si è consolidata in questi anni con l’Agenzia ICE nella promozione all’estero della nutraceutica italiana. Tra i relatori che interverranno, Giovanni Scapagnini, Professore associato di Biochimica Clinica e socio fondatore e membro del direttivo della SINut (Società Italiana di Nutraceutica), Giuseppe Derosa, Professore di Medicina Interna presso il Dipartimento di Medicina Interna e Terapia dell’Università di Pavia e Responsabile del Centro Regionale per la Prevenzione, Sorveglianza, Diagnosi e Trattamento delle Dislipidemie ed Aterosclerosi della Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia, Alper Sonmez, Professore di Medicina presso la Scuola di Medicina Gulhane Dipartimento di Endocrinologia e Metabolismo di Ankara, e Arrigo F.G. Cicero, Professore associato del Dipartimento di scienze dietetiche dell’Università degli Studi di Bologna e Presidente della SINut.

“Gli integratori alimentari rappresentano un prodotto di eccellenza del Made in Italy. La tracciabilità della filiera, la qualità delle materie prime, la sicurezza produttiva e l’innovazione tecnologica garantiscono al prodotto italiano il suo posizionamento come “premium” sia a livello Europeo sia mondiale. Quella degli integratori, infatti, è una filiera virtuosa composta da aziende solide e dinamiche, con un’altissima vocazione all’investimento in ricerca e sviluppo. I consumatori stanno raggiungendo sempre di più la consapevolezza del ruolo di questi prodotti, intesi come fondamentali per il mantenimento della salute e del benessere fisico e mentale. Siamo orgogliosi che l’Italia possa rappresentare un modello virtuoso a livello internazionale” afferma Germano Scarpa, Presidente FederSalus.

“Un anno fa nessuno avrebbe immaginato che in così poco tempo sarebbero arrivati tanti vaccini e farmaci. Un successo frutto della ricerca globale supportata al meglio dalle istituzioni internazionali e nazionali. Uno sforzo eccezionale del Life Science all’insegna della collaborazione tra pubblico e privato che si è dimostrato un investimento prezioso per il benessere e la crescita delle persone e della società” commenta Diana Bracco, Presidente del Cluster Tecnologico Nazionale Scienze della Vita Alisei. “La sfida ora è quella di non fermarci avviando un cambiamento profondo di mentalità nel modo in cui tutti guardiamo alla ricerca e all’assistenza sanitaria. Il Cluster Alisei vuole essere un grande motore dell’innovazione e mira a favorire una politica industriale che veda nella ricerca e nell’innovazione un propulsore essenziale del progresso della società e dell’economia.”

Nota: FederSalus, Associazione Nazionale Produttori e Distributori di Prodotti salutistici è l’Associazione italiana rappresentativa del settore degli integratori alimentari. Fondata nel 1999, attualmente conta 240 aziende associate. Attraverso la collaborazione con strutture di ricerca ed istituzioni nazionali ed europee, l’Associazione si propone di sostenere le istanze del comparto e, al contempo, tutelare la salute del consumatore promuovendo la corretta informazione sui prodotti salutistici e la loro qualità e sicurezza. Per approfondimenti è disponibile il sito www.federsalus.it

rsvp@teb4expo.com

 

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button