Primo Piano

Francia. Informatore Scientifico, una professione in via di estinzione, costretti a evolvere

Parigi – Sanofi, Fabre, Servier … il massacro continua tra gli informatori scientifici all’antica, che “martellano” ancora gli ambulatori di medici di medicina generale, mentre il loro futuro sembra sempre più orientarsi attraverso tecniche e a un passaggio al digitale.

Il gruppo farmaceutico Servier è l’ultimo ad avere annunciato a fine novembre un piano sociale drastico: 610 posti di lavoro di “informatore scientifico” su 690 condannati a scomparire nel 2016.

In questa professione responsabile della promozione dei medicinali presso i professionisti della salute, oltre 9.700 posti di lavoro sono stati persi tra il 2004 e il 2015, secondo i dati del Leem. L’associazione delle aziende farmaceutiche ne hanno censito non più di 12.300 alla fine del 2015. Circola la cifra di 5.000 informatori scientifici del farmaco entro il 2018.

Oggi, le grandi aziende “considerano che non hanno più bisogno di promozione dei prodotti caduti sotto il settore pubblico, o rimborsati come generici”, e ancora meno quando il loro prezzo scende, ha dichiarato all’Afp un rappresentante del personale della Servier.

Altri fattori giocano, come il basso numero dei medici e il fatto che le “giovani generazioni di medici generalisti non ricevono più di tanto gli informatori scientifici”, ha dichiarato Christian Dujardin, delegato CGT di Sanofi.

Lo scandalo del farmaco Mediator, lanciato sul mercato dalla Servier ha causato gravi danni alle valvole cardiache, non ha aiutato anche se da un primo codice etico nel 2004, rinnovato a fine del 2014, “una enorme riorganizzazione è stata fatta”nella professione, ha detto un rappresentante del sindacato CFE-CGC di una grande azienda tedesca.

Devono seguire almeno 2 anni di corso universitario, gli informatori scientifici devono seguire una formazione specifica prima di ottenere l’abilitazione professionale. È fatto loro divieto di fare regali. Ma anche se si sforzano di lavorare “correttamente”, sono sempre “tra l’incudine e il martello, spinti a fare affari su una materia etica”, secondo il sindacato.

“In pratica, non un informatore vi dirà che lo spirito della Carta è pienamente rispettato”, dice. Esempio di “cattiva pratica” persistente: medici prescrittori sono ancora i più “mirati” e “martellati dalle visite.”

Una professione in fase di profondo cambiamento

“Ho amato il mio lavoro”, ha dichiarato all’Afp Séverine (nome cambiato), un ex informatore della Sanofi. Ma “il contesto si è deteriorata, si era sempre in più informatori a parlare dello stesso prodotto”, dice questa donna di 44 anni nel 2015 con circa 90.000 euro di indennità. Oggi infermiera a Auvergne a 1.400 euro al mese, ha perso due terzi del suo stipendio di informatore esercitato per quasi 20 anni.

Piuttosto che impegnarsi in formazione per riqualificare quelli che sono diventati lavoratori inutili, le aziende più ricche preferiscono finanziare i licenziamenti volontari e il prepensionamento” a condizioni molto favorevoli, deplora il rappresentante CFE-CGC.

E invece di “far evolvere la professione”, la Leem preferisce, ha detto, creare posti di MSL [Medical Science Liaison], consulenti scientifici collegati alle aziende, non soggetti alla Carta degli informatori scientifici del farmaco. Questi consulenti altamente qualificati sono responsabili per la presentazione agli operatori sanitari dell’informazione scientifica di farmaci prima dell’autorizzazione della loro immissione in commercio.

La promozione medica “è in fase di ridefinizione,” verso prodotti “più tecnici di alto valore economico, ma a livelli molto bassi di volumi”, spiega Pascal Le Guyader, direttore degli affari generali, industriali e sociali di Leem.

L’evoluzione della professione dell’informatore scientifico “segue quella dell’innovazione terapeutica che si sta ora concentrando su specifiche malattie” e non sui farmaci di massa, ha detto un portavoce di Sanofi, che in dieci anni ha ridotto di due terzo il suo esercito di informatori.

“Prospettive di sviluppo esistono”, soprattutto negli ospedali, grandi utilizzatori di prodotti biotecnologici, ma questi nuovi posti di lavoro comportano “un livello scientifico e tecnico più alto”, sottolinea Vincent Genet, associata alla società di consulenza sanitaria Alcimed.

In tempo di Internet, gli informatori devono ulteriormente “personalizzare” il loro messaggio e “fornire servizi a supporto del corretto uso dei loro farmaci”, dice.

L’esplosione del digitale permette anche di sviluppare visite mediche a distanza, “una modalità in crescita, ma che non è destinata a sostituire al 100% l’incontro faccia a faccia”, ha detto il signor Genet.

Par AFP , publié le 17/12/2015 – L’EXPRESS L’EXPANSION

[Nella foto in alto un gruppo di ISF della Lilly protesta contro i licenziamenti]

Notizie correlate: La Servier prevede di tagliare 610 posti di Informatori Scientifici in Francia su 690

Lilly azienda farmaceutica vuole tagliare 158 posti di ISF in Francia

Francia. Un nuovo statuto per regolare l’attività degli Informatori Scientifici

Mediator. Storia tragica di un farmaco che sembra un romanzo giallo

Le figure professionali emergenti. Il mondo farmaceutico che cambia 

What is a Medical Science Liaison?

Charte de la visite médicale

USA. Sempre più difficile per gli ISF incontrare i medici.

Mmg inglesi chiudono a informatori, Brignoli (Simg): errore, informazione indipendente è utopia

Il numero di ISF è diminuito del -1,2% a livello mondiale nel 2013

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button