Primo Piano

Mmg inglesi chiudono a informatori, Brignoli (Simg): errore, informazione indipendente è utopia

Di recente a Pescara è stato chiesto agli informatori di non entrare in studio con dispositivi elettronici attivi che potrebbero registrare o visualizzare dati anche all’insaputa dello stesso rappresentante.

Sabato, 17 Ottobre 2015 – Doctor33

Click to go to homepageMedici di famiglia e informatori scientifici ai ferri corti in Inghilterra: due terzi dei “general practitioners” non riceverebbero più rappresentanti delle industrie farmaceutiche e 40 su cento avrebbero una percezione negativa dell’industria. Non si tratta dei soliti pregiudizi: certo, per il 56% di chi rifiuta il contatto il produttore di farmaci è sempre legato al profitto.

Tuttavia a “big pharma” si imputa soprattutto di non capire i bisogni del medico di famiglia e come lavora (20% del campione di 551 medici intervistati nel sondaggio della società Binley) e di non comprendere come e quanto la categoria sia pressata da misure di budget (17% degli intervistati). Una situazione che può valere per l’Italia.

Di recente a Pescara è stato chiesto agli informatori di non entrare in studio con dispositivi elettronici attivi che potrebbero registrare o visualizzare dati anche all’insaputa dello stesso rappresentante.

( … continua su Doctor33 del 17 ottobre 2015)

Notizie correlate: Survey finds many GPs feel misunderstood by pharma – Industry must find new ways to build relationships with time-pressed GPs

SNAMI Abruzzo avviso per gli informatori scientifici

USA. Sempre più difficile per gli ISF incontrare i medici.

Snami Abruzzo: Mmg spiati da tablet e iphone, informatori li spengano

Lo SNAMI Abruzzo vieta l’uso di tablet e smartphone agli ISF

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button