News

Le Aziende Farmaceutiche che fanno ricerca potranno usufruire di un credito d’imposta

Con la risoluzione n. 52/E del 23 settembre 2022, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo per
l’utilizzo, tramite modello F24, del credito d’imposta per le attività di ricerca e sviluppo per farmaci, inclusi i vaccini.

L’art. 31, comma 1, D.L. n. 73/2021 (decreto Sostegni bis) ha previsto in favore delle imprese che effettuano attività di ricerca e sviluppo per farmaci, inclusi i vaccini, un credito d’imposta nella misura del 20% dei costi sostenuti dal 1° giugno 2021 al 31 dicembre 2030.

Il comma 4 dell’art. 31 stabilisce che il credito d’imposta spetta fino a un importo massimo di 20 milioni di euro annui per ciascun beneficiario ed è utilizzabile in compensazione, in tre quote annuali di pari importo, a decorrere dall’anno successivo a quello di maturazione.

Pertanto, per consentire l’utilizzo in compensazione del credito d’imposta, tramite modello F24 da presentare esclusivamente attraverso i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 52/E del 2022 l’Agenzia ha istituito il codice tributo:

6981” denominato “credito d’imposta per l’attività di ricerca e sviluppo per farmaci, inclusi i vaccini – art. 31 del decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73”.

Ai fini della determinazione della base di calcolo del credito d’imposta, sono considerati ammissibili, nel rispetto delle regole generali di effettività, pertinenza e congruità, tutti i costi sostenuti per:

– ricerca fondamentale;

– ricerca industriale;

– sviluppo sperimentale e studi di fattibilità necessari per il progetto di ricerca e

– sviluppo nel corso della sua durata.

È espressamente esclusa la cumulabilità del tax credit con altre agevolazioni sotto forma di credito d’imposta per le attività di ricerca e sviluppo.

I costi ammissibili per i progetti di ricerca e sviluppo sono imputati a una specifica categoria di ricerca e sviluppo e rientrano nelle seguenti categorie:

– spese di personale impiegati nel progetto;

– costi relativi a strumentazione e attrezzature nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto;

– costi relativi agli immobili e ai terreni per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto

– costi per la ricerca contrattuale, le conoscenze e i brevetti acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne utilizzati esclusivamente ai fini del progetto;

– spese generali supplementari e altri costi di esercizio, compresi i costi dei materiali, delle forniture e di prodotti analoghi, direttamente imputabili al progetto.

Infine, si evidenzia che spetta all’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) e alla Commissione Tecnico Scientifica la descrizione di innovatività, la sua valutazione e il conferimento dello status di medicinale innovativo che presuppone la valutazione di tre elementi basilari:

  1. bisogno terapeutico;
  2. valore terapeutico aggiunto;
  3. robustezza delle prove scientifiche sottoposte dall’azienda a supporto della richiesta di innovatività.

I criteri per la classificazione dei farmaci innovativi sono stati definiti dall’Aifa con la determina n. 1535 del 2017.

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button
Fedaiisf Federazione delle Associazioni Italiane degli Informatori Scientifici del Farmaco e del Parafarmaco