Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale la legge Lorenzin sul riordino delle professioni sanitarie

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale la legge Lorenzin sul riordino delle professioni sanitarie

Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 31 gennaio n. 25 il testo della Legge Lorenzin “Delega al Governo in materia di sperimentazione clinica di medicinali nonché disposizioni per il riordino delle professioni sanitarie e per la dirigenza sanitaria del Ministero della salute”.

Il testo era stato approvato dal Parlamento lo scorso 22 dicembre e contiene la riforma degli ordini professionali, le norme sulle sperimentazioni cliniche, e sull’abusivismo professionale, le modifiche alla legge sulla responsabilità professionale e le disposizioni  per la dirigenza sanitaria del Ministero della salute.

Il ministro Lorenzin ha dichiarato che i decreti attuativi saranno emanati entro marzo.


LEGGE 11 gennaio 2018, n. 3 

Delega al Governo in materia di sperimentazione clinica di medicinali nonche’ disposizioni per il riordino delle professioni sanitarie e per la dirigenza sanitaria del Ministero della salute. (18G00019) (GU Serie Generale n.25 del 31-01-2018)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 15/02/2018Art. 6

Articolo 6. Individuazione e istituzione di nuove professioni sanitarie1.

L’articolo 5 della legge 1º febbraio 2006, n. 43, e’ sostituito dal seguente:

«Art. 5 (Individuazione e istituzione di nuove professioni sanitarie). –

1. L’individuazione di nuove professioni sanitarie da comprendere in una delle aree di cui agli articoli 1, 2, 3 e 4 della legge 10 agosto 2000, n. 251, il cui esercizio deve essere riconosciuto in tutto il territorio nazionale, avviene in sede di recepimento di direttive dell’Unione europea ovvero per iniziativa dello Stato o delle regioni, in considerazione dei fabbisogni connessi agli obiettivi di salute previsti nel Piano sanitario nazionale o nei Piani sanitari regionali, che non trovino rispondenza in professioni gia’ riconosciute, ovvero su iniziativa delle associazioni professionali rappresentative di coloro che intendono ottenere tale riconoscimento. A tal fine, le associazioni interessate inviano istanza motivata al Ministero della salute, che si pronuncia entro i successivi sei mesi e, in caso di valutazione positiva, attiva la procedura di cui al comma 2.

2. L’istituzione di nuove professioni sanitarie e’ effettuata, nel rispetto dei principi fondamentali stabiliti dalla presente legge, previo parere tecnico-scientifico del Consiglio superiore di sanità, mediante uno o piu’ accordi, sanciti in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, ai sensi dell’articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, e recepiti con decreti del Presidente della Repubblica, previa deliberazione del Consiglio dei ministri.

3. Gli accordi di cui al comma 2 individuano il titolo professionale, l’ambito di attivita’ di ciascuna professione, i criteri di valutazione dell’esperienza professionale nonche’ i criteri per il riconoscimento dei titoli equipollenti. Con decreto del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca, di concerto con il Ministro della salute, acquisito il parere del Consiglio universitario nazionale e del Consiglio superiore di sanità, e’ definito l’ordinamento didattico della formazione universitaria per le nuove professioni sanitarie individuate ai sensi del presente articolo.

4. La definizione delle funzioni caratterizzanti le nuove professioni sanitarie avviene evitando parcellizzazioni e sovrapposizioni con le professioni gia’ riconosciute o con le specializzazioni delle stesse»

 

Related posts