News

Secondo De Luca il coronavirus in Campania è stato portato da un ristoratore del Nord, da un ISF e da una biologa di Crema

Campania. De Luca in diretta: “Vedo troppa allegria in giro, troppa gente sportiva. Faremo controlli ogni due settimane”

Campania. De Luca in diretta: “Vedo troppa allegria in giro, troppa gente sportiva. Faremo controlli ogni due settimane”. Come consuetudine, anche questo venerdì si è tenuta la diretta del Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca per fare il punto della situazione sui contagi, sulla Fase 2 e sulle iniziative che saranno messe in campo a partire dal prossimo lunedì.

Il clima nazionale non è dei migliori. La fase due è diventata un’altra cosa: abbiamo davanti agli occhi un litigio permanente sul piano politico. I percorsi non sono resi chiari all’opinione pubblica ma dobbiamo anche dire che sta emergendo un altro fattore. Una parte del mondo politico è andata in astinenza e ha necessità di ritornare sulla scena. Io ha anche la sensazione che per molta parte della società italiana pare che non sia cambiato niente”

Se qualcuno pensa che torniamo a come eravamo 6 mesi fa non ha capito niente. Qui è cambiato il mondo – ha detto – Dovremo fare i conti col virus e abituarci ad un altro modo di vivere. Ogni 14 giorni faremo verifiche. Il prossimo step è il 18 giugno. Corrisponde, infatti, al tempo di incubazione del virus. Ogni 2 settimane faremo la verifica della situazione per capire se ci sono state conseguenze in merito alle riaperture e alle maggiori possibilità di mobilità. Se riemerge il contagio è necessario intervenire subito”.

Ha poi continuato: “Vedo troppa allegria in giro, troppa gente sportiva. Un ristoratore venuto dal Nord, un informatore scientifico e una biologa che veniva da Crema: Così abbiamo iniziato in Campania, abbiamo iniziato così. In Italia abbiamo centinaia di migliaia di asintomatici al Covid-19. Dobbiamo vivere di angoscia? No. Ma è importante sapere che un problema c’è”.

( … continua su Positano News del 1 maggio 2020)

Segui la diretta

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button