Primo Piano

SNAMI. Adesso anche il farmaco di Stato!

Angelo Testa: “Ennesima follia che calpesta lo stato di diritto a potersi curare. Di fatto un ricatto a Medici e pazienti ad utilizzare un “ farmaco similare ” che potrebbe avere un principio attivo differente”

SNAMI – Comunicato 24 maggio 2016

MEDICINALI AD EQUIVALENZA TERAPEUTICA

Roma 24 Maggio 2016-Commento del sindacato autonomo ai tagli su un gran numero di farmaci che diventerebbero a pagamento per i malati, “A meno che” dice Angelo Testa, presidente nazionale dello Snami “i pazienti non vogliano cambiare terapia con un “farmaco similare”. Il tutto, ovviamente,per una questione di tagli immediati, il percorso tutto Italiano del “mordi e fuggi “del risparmio dell’oggi, che non tiene conto dei costi del domani, soprattutto in termini di salute pubblica.

C’ è una“determina”AIFA, la “458” del 31 marzo scorso sul tema “Equivalenza terapeutica fra medicinali contenenti differenti principi attivi”, che ci fa capire dove si vuole andare a parare. Il paziente iperteso che da anni riesce a controllare la sua pressione arteriosa con un determinato farmaco dovrà d’ora i poi pagarselo oppure dovrà accettare,perché non può permetterselo, il farmaco “di stato” che magari ha un principio attivo diverso, con l’aggravante che l’anno dopo potrà succedere lo stesso , quindi dover cambiare nuovamente e di conseguenza “dover dismettere” il medicinale assunto in sostituzione del peffetto-nocebo-farmacirecedente. Anche questo non con lo stesso principio attivo.

Follia totale” denuncia il leader dello Snami “da aggiungere alla telenovela del decreto taglia esami e ad un insieme di idiozie che vorrebbero impedire ai Medici di svolgere la loro professione e ai cittadini di potersi curare”

Ufficio Stampa Snami

Notizie correlate: Indecente Italia: tra premi milionari ingiustificati e tagli alla spesa sui farmaci. Comunicato Fedaiisf

Equivalenza terapeutica, Garattini: Aifa va nella giusta direzione. Possibile rivoluzione

Fimmg sulle gare d’acquisto per farmaci ad ‘equivalenza terapeutica’

Determina AIFA 458/2016

Scaccabarozzi (Farmindustria) sulla proposta dei governatori: «Dalle Regioni solo una vecchia ricetta scaduta» Affondo contro l’equivalenza terapeutica

Sanità, a rischio la rimborsabilità di 1.500 farmaci. “Malati dovranno pagare o curarsi con principi attivi diversi”

Governance farmaceutica. Sì a prezzo/volume e innovazione. Dubbi su doppio tetto territoriale e misure concorrenza. Le proposte delle Regioni scandagliate dal Tavolo di Palazzo Chigi

Caso Avastin-Lucentis: ci tolgono i farmaci essenziali ma ci lasciano Lucentis

Crisi Ssn, la ricetta non può essere più sanità privata

 

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button