Takeda prossima ad annunciare un’ondata di licenziamenti in marketing, sales e IT per risparmiare almeno $1.4 mld. 3600 posti a rischio

Takeda prossima ad annunciare un’ondata di licenziamenti in marketing, sales e IT per risparmiare almeno $1.4 mld. 3600 posti a rischio

Takeda sarebbe prossima ad annunciare un radicale taglio di costi per almeno $1.4 miliardi che porterà ad una forte riduzione di personale a livello amministrativo, IT, marketing e sales. La draconiana misura è imposta dalla mega acquisizione da GBP46bn annunciata pochi giorni fa dal gruppo giapponese.

pharmaphorum – May 10, 2018

Un alto dirigente ha detto che Takeda prevede di chiudere degli uffici di marketing e tagliare dei posti di lavoro di addetti alla vendita, nel tentativo di risparmiare $ 1,4 miliardi per l’anno successivo all’acquisizione di Share per 46 £ miliardi.

In un’intervista con pharmaphorum, Giles Platford, presidente della business unit Canada e in Europa di Takeda, ha detto che era “ovvio”, che si sarebbe perseguito il risparmio dopo la finora più grande fusione dell’anno.

L’accordo concordato all’inizio di questa settimana fa perno sulla società risultante dalla fusione per la quale sono serviti $ 30.85 miliardi in prestiti da JP Morgan Chase, Sumitomo Mitsui, e le banche MUFG.

Una delle più grandi fusioni farmaceutiche negli ultimi anni, da quando Teva ha acquistato farmaci generici di Allergan per $ 40.5 miliardi di dollari, si è trasformata in negatività a causa del peso del debito assunto per finanziare l’affare.

Al fine di evitare questa situazione Takeda dovrà fare risparmi di $ 1.4 miliardi entro la fine del terzo esercizio dopo la fusione, mentre allo stesso tempo deve assicurare che i ricavi già approvati di Shire continuino a incrementarsi.

Takeda sta cercando anche dei ricavi da più di una dozzina di farmaci che Shire ha in fase avanzata di sviluppo per una serie di malattie.

Platford ha chiarito in un messaggio che è in grado di rivelare informazioni su come Takeda prevede di apportare modifiche, dopo che il suo amministratore delegato Christophe Weber ha messo a segno una delle più grandi occasioni nella storia del pharma.

Giles Platford

Platford ha detto: “Ci sarà da cercare nuove opportunità per capitalizzare le sovrapposizione in aree terapeutiche quali GI (gastrointestinale) e neuroscienze, e in termini di posizione e sovrapposizione di posti di lavoro negli uffici, sistemi informatici, e le opportunità con marketing e dipendenti addetti alla  vendita”.

Questo ristrutturazione da un’analisi di Jefferies, analista di Peter Welford, ha detto che la società cercherà di licenziare il 6% -7% della sua forza lavoro combinata, o circa 3.600 dipendenti.

Platford non ha comunicato su come Takeda gestirà l’invecchiamento del portafoglio di Shire dei farmaci per l’iperattività, che sono minacciati dalla concorrenza generica, o come intende affrontare una minaccia per il farmaco per emofiliaci dell’azienda con sede a Dublino da un più recente concorrente di Roche.

“E ‘molto presto per prevedere che accadrà dopo l’integrazione, tutto quello che posso dire è che siamo tremendamente eccitati circa la proposta di valore”, ha detto Platford.

Ricerca e produzione

A parte i ricavi derivanti dai farmaci approvati di Shire, la motivazione della fusione è che la ricerca della ditta di Dublino è imbottita di farmaci gastrointestinali, per le neuroscienze e le terapie di malattie rare che potrebbero portare un notevole reddito notevole se approvati.

Il piano del CEO Weber è quello di utilizzare economia di scala della società risultante dalla fusione per commercializzare tali farmaci, combinando anche l’esperienza di ricerca e sviluppo delle due aziende per sviluppare nuovi farmaci.

Tutto sommato Shire ha sette farmaci in esame, e 15 nella fase 3 di sviluppo. “Siamo molto fiduciosi circa la pipeline che Shire ha, soprattutto in GI e neuroscienze”, ha detto Platford.

Platford ha detto che è fiducioso di ottenere l’approvazione del management sulla linea di condotta, e di convincere gli azionisti di entrambi i gruppi di accettarla.

Nel 2014 Abbvie e Shire hanno rinunciato ad una fusione dopo le modifiche alle norme fiscali degli Stati Uniti, e Platford commenta che Takeda ha un piano che dovrebbe far approvare l’affare.

Mentre il razionale per l’ultima fusione non gira intorno a risparmi fiscali, l’operazione ha bisogno di approvazione da parte di due terzi degli azionisti di Takeda, e il 75% degli azionisti di Shire.

L’azionista di Shire può essere facile da convincere, in quanto v’è un diffuso malcontento tra gli investitori della società dopo la sua fusione con Baxalta nel 2016 per $ 32 miliardi.

“Siamo molto fiduciosi che saranno ottenuti le approvazioni necessarie da parte delle autorità antitrust e dai rispettivi azionisti. Pensiamo che gli azionisti di Takeda e Shire vedranno la proposta di valore e la logica finanziaria per l’affare “, ha detto Platford.

Notizie correlate: Takeda: in USA assalto dei generici a Velcade

Related posts