LA SFIDA DI GOOGLE: LA MAPPA DELA SALUTE

LA SFIDA DI GOOGLE: LA MAPPA DELA SALUTE

Il servizio è completamente gratuito e utilizzabile da chiunque, e ha ottenuto una generosa donazione di 450.000 dollari

La diffusione delle malattie Se è vero che internet è una miniera di informazioni, spesso aggiornata in tempo reale e più rapidamente consultabile rispetto ai sistemi tradizionali, è anche vero che bisogna sapere dove cercare. I dati utili, infatti, a volte si trovano sepolti sotto montagne di pettegolezzi, curiosità e notizie di varia irrilevanza. Quando poi c’è la necessità di tenersi informati sulla diffusione delle malattie – perché si è dei professionisti che lavorano in quel campo o perché si abita in paesi a rischio – allora non è più accettabile di doversi sobbarcare un lavoro di scavo e raffinazione prima di arrivare a ciò che veramente interessa. Informazioni suddivise automaticamente Ecco dunque che nasce nel 2006 e oggi viene lanciato su vasta scala HealthMap, un servizio che permette di accedere a una mappa costantemente aggiornata sulla diffusione delle malattie nel mondo. I dati che verranno poi visualizzati graficamente sulla mappa provengono da Google News, dall’Organizzazione mondiale della sanità e dai gruppi di discussione. Gli algoritmi di ricerca sono in grado di distinguere tra le notizie di nuove malattie che stanno iniziando a diffondersi (e per le quali è magari necessario dare l’allarme) e aggiornamenti sulle situazioni endemiche; le informazioni raccolte sono suddivise automaticamente in sei categorie con un’accuratezza attuale del 90 per cento. Un servizio gratuito Il servizio è completamente gratuito e utilizzabile da chiunque, e ha ottenuto una donazione di 450.000 dollari da Google.org Predict and Prevent , una delle attività del braccio filantropico della società di Mountain View. Per ore HealthMap fornisce informazioni a livello di stati e province, ma l’idea di Larry Brilliant, capo di Google.org , è molto più ambiziosa: «Vedo un bambino in Africa che va online e trova che c’è un’epidemia di colera nel suo quartiere. Vedo qualcuno in Cambogia che scopre che c’è la lebbra in strada». L’idea di Brilliant, dunque, è che servizi come HealthMap diventino una fonte preziosa e affidabile soprattutto per i paesi più poveri, in cui le indicazioni sanitarie mancano o sono imprecise o arrivano solo a pochi. Un aiuto per medici e personale Medici e personale sanitario possono trovare un aiuto nello studio della diffusione delle malattie: «Si tratta di una sintesi di varie fonti in un unico luogo. Permette una rapida visualizzazione degli eventi legati alla salute che non si potrebbe avere in altri formati», dice Hannah Gould, epidemiologa che ha usato HealthMap per monitorare un’epidemia di Escherichia coli in una catena di supermercati. I ricercatori che lavorano per migliorare continuamente il servizio stanno cercando di aumentare le fonti di informazione, introducendo anche i cosiddetti social media (come i blog): il problema, tuttavia, è come separare il segnale dal rumore di fondo. www.marioadinolfi.ilcannocchiale.it  Europa del 16/07/2008 , articolo di MARIO ADINOLFI   p. 9   rb

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!