News

Padova. Attacco informatico, caos visite e ricette

Attacco informatico, caos visite e ricette a Padova

Disagi nei Distretti socio-sanitari e nelle farmacie: rinviati vaccini, prelievi e screening. Fuori uso la rete regionale

23 ottobre 2017 – di Elena Livieri – Il Mattino di Padova

C’è con ogni probabilità l’attacco hacker che ha colpito nella giornata di domenica il sistema informatico regionale – provocando ritardi e difficoltà nella raccolta dei dati del referendum sull’autonomia – alla base dei pesanti disagi patiti da molti utenti dell’Usl 6 Euganea e in parte ha compromesso anche alcuni servizi dell’Azienda ospedaliera. Il “baco” che ha colpito i server regionali, infatti, ha intaccato anche il sistema di trasmissione informatico della sanità. Fino a mezzogiorno di ieri non era possibile ai Distretti socio-sanitari accedere all’anagrafe unica regionale dove sono registrati tutti i cittadini, e nemmeno all’anagrafe vaccinale, ai dati relativi alla Medicina dello Sport, gli screening oncologici e quelli cardiovascolari. Decine e decine le prestazioni saltate e rinviate. Così come le prenotazioni. E non è tutto: i disagi si sono estesi anche alle farmacie che per tutta la mattina, ieri, non hanno potuto ricevere e inviare la ricetta informatica. Notevoli i disagi, anche in questo caso, per l’utenza, specie per chi necessitava con urgenza dei farmaci.

In un’epoca in cui ormai tutto passa per la rete informatica e, anzi, grandi sforzi e investimenti vengono fatti per informatizzare quante più procedure e banche dati possibile, svegliarsi una mattina e scoprire che non è accessibile l’immenso patrimonio di informazioni, per altro indispensabili per poter fornire le prestazioni sanitarie, non promette in effetti niente di buono. In piena campagna vaccinale, dopo l’introduzione per legge dell’obbligo per tutti i bambini, erano tanti anche ieri mattina i piccoli accompagnati da mamma o papà nei vari Distretti socio-sanitari di città e provincia. Ma quella che doveva essere una prestazione veloce si è trasformata in un piccolo calvario. Impossibilitato ad accedere ai dati informatici, il personale dell’Usl 6 ha dovuto tornare alle scartoffie. E il vaccino è stato possibile farlo solo dove era disponibile documentazione cartacea sufficiente. Numerosi i rinvii e i ritardi. Risultati immagini per hackerStessa cosa è successa nei punti di prelievo del sangue.

Sul fronte dell’attività ambulatoriale, invece, a registrare i disagi maggiori sono stati gli screening oncologici e quelli cardiovascolari, anche in questo caso posticipati il tempo necessario a recuperare la documentazione cartacea del paziente o rinviati a nuova data. Ovviamente anche le prestazioni effettuate sono state temporaneamente registrate su carta e solo in un secondo tempo saranno inserite nel sistema informatico della sanità.

A vivaci proteste si è assistito ieri mattina oltre che nei servizi socio-sanitari, anche nelle farmacie dove non funzionava il sistema di trasmissione delle ricette dematerializzate. Molte persone si sono dovute arrendere al fatto di rinviare l’acquisto dei farmaci. È stata la stessa segreteria di Federfarma, intorno alle 9, ad avvisare i farmacisti del blocco al sistema informatico, che ha ripreso a funzionare solo nel pomeriggio. Molti sono stati costretti a pagare il farmaco che con la ricetta avrebbero avuto invece gratuito. Ma, assicurano dalle farmacie, potranno essere rimborsati in un secondo tempo presentando al ricetta. La situazione è andata normalizzandosi solo nel pomeriggio

Notizie correlate: Fimmg Veneto. Il nuovo calendario degli scioperi

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button