News

Pfizer sborsa 14 miliardi di dollari per i farmaci anti-cancro di Medivation

Continua il fermento nel settore biotech: il colosso farmaceutico statunitense è vicino alla seconda maggior operazione dopo l’acquisizione di Hospira dello scorso anno. La preda californiana è specializzata nel trattamento della prostata. In Italia in luce Molmed con un’autorizzazione Ue

22 agosto 2016 – R.it ECONOMIA & Finanza

Pfizer sborsa 14 miliardi di dollari per i farmaci anti-cancro di MedivationContinua il fermento nel settore dei grandi colossi farmaceutici, interessati negli ultimi tempi da attività straordinarie di grande rilievo. Il colosso farmaceutico americano Pfizer sarebbe ora vicino all’acquisto del gruppo biotech Medivation, specializzato in trattamenti anticancro, per circa 14 miliardi di dollari. L’indiscrezione rimbalza dalla stampa anglosassone, che cita fonti vicine all’operazione che, tutta in contanti, dovrebbe essere annunciata nel giro di poche ore.

L’offerta di Pfizer è di quelle cui non sembra possibile dire di no: va ben al di là del valore di Medivation le cui azioni hanno chiuso venerdì a 67,16 dollari per una valorizzazione in Borsa di 11,1 miliardi di dollari. Ma rilevando Medivation, Pfizer potrebbe aggiungere al suo portafoglio il farmaco contro il cancro alla prostata ‘Xtandi’ che promette, secondo gli analisti, di generare da solo 1,33 miliardi di dollari di ricavi al 2020. L’idea manifestata dal ceo di Pfizer, Ian Read, già nello scorso maggio era proprio quella di acquisire farmaci maturi per il mercato, considerando che il portafoglio è già imbottito di farmaci agli stadi meno avanzati di lancio.

D’altra parte, il gruppo biotech era finito nel mirino anche dei francesi di Sanofi, che la scorsa primavera avevano provato ad acquisire Medivation offrendo però “solo” 10 miliardi di dollari: in quel caso, dalla California era partito un secco “no” che aveva scatenato l’interesse di altri possibili pretendenti: Gilead, Celgene e Amgen. La nuova operazione, se come sembra andrà in porto, rappresenterebbe per Pfizer la più grande acquisizione dopo l’aqcquisto di Hospira lo scorso anno, per 17 miliardi di dollari.

Anche in Italia, per altro, si registra contemporaneamente alle novità su Pfizer una notizia nel settore biotech. La Commissione europea ha infatti autorizzato l’immissione condizionata in commercio per Zalmoxis, la terapia cellulare sviluppata da Molmed basata sull’ingegnerizzazione del sistema immunitario per il trattamento delle leucemie e di altri tumori del sangue. Si tratta di una autorizzazione anticipata, concessa a prodotti medicinali con una valutazione positiva del rapporto rischio/beneficio, in grado

di risolvere significativi bisogni terapeutici, e la cui disponibilità si tradurrebbe in un beneficio rilevante per la salute pubblica. Notizia che spinge il titolo a Piazza Affari, in crescita a doppia cifra.

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button