News

Sì all’impiego dello 007 per scoprire la finta malattia del lavoratore

ISF licenziato per aver fatto telefonate personali col telefonino aziendale. L’uso di un investigatore privato per verificare l’attendibilità del certificato medico

Il Sole 24ORE Norme & Tributi in un articolo di Patrizia Maciocchi riporta due interessanti sentenze della Corte di Cassazione.

Logo Corte Suprema di CassazioneCon la Sentenza 17113 la Suprema Corte ritiene legittimo l’utilizzo di un investigatore privato con l’incarico di seguire il dipendente nel periodo della malattia per vedere se davvero la lombosciatalgia certificata dal medico di base gli impediva di lavorare.

Secondo il rapporto dell’investigatore, il “sorvegliato” aveva fatto una serie di azioni e movimenti del tutto incompatibile con la patologia lamentata. Per i giudici è dunque legittimo il licenziamento per giusta causa precisando che il datore ha il diritto di ricorrere ad un’agenzia investigativa per verificare l’attendibilità del certificato medico, che può essere contestato anche valorizzando circostanze di fatto. Ciò che non può fare è far “spiare” il dipendente mentre è intento nell’ attività lavorativa vera e propria.

Il secondo caso riportato dal “Sole” riguarda un Informatore Scientifico del Farmaco (ISF) licenziato per motivi disciplinari con l’accusa di aver utilizzato il telefonino Corteaziendale per ragioni personali.

Con la sentenza 17108 la Suprema Corte ha stabilito che la massima punizione non è però giustificata perché il datore non ha saputo provare l’addebito. L’azienda farmaceutica aveva imposto all’informatore di dimostrare, attraverso la sua agenda telefonica l’identità delle persone chiamate. Secondo i giudici c’è stata un’inversione dell’onore della prova: spettava al datore fornire i tabulati vodafone dai quali risalire alle chiamate private. Inoltre le telefonate extra lavoro erano non più di 7 o 9 al giorno. Troppo poche per giustificare il licenziamento.

L’ISF inoltre era accusato di aver rapportate false visite ai medici. La prova era consistita nella deposizione degli investigatori privati ingaggiati dall’azienda per pedinare il dipendente. La Cassazione ha confermato la sentenza della Corte d’Appello che ha ritenuto inattendibili gli investigatori privati.

Corte di Cassazione Civile Sez. L Sentenza 17108/2016

Corte di Cassazione. Civile Sent. Sez. L Num. 17113 Anno 2016

 

Riassunto da Redazione – 17/08/2016

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button