News

Stabilimento Pfizer di Catania a rischio di chiusura. Delocalizzazione in Cina

Sit-in lavoratori: l'azienda si esprima. A rischio 800 lavoratori

Pfizer Catania, i sindacati: “Necessario confronto con i vertici”

La nota di Cgil, Cisl, Uil e Ugl: “Previsto un calo dell’occupazione, pronti ad altre proteste”

Live Sicilia – 21 ottobre 2021

Rischio di licenziamenti nella struttura catanese di Pfizer, arriva la reazione dei sindacati. Come si legge in una nota diffusa da Cgil, Cisl, Uil, Ugl e sindacati di categoria: “La Pfizer tace sul futuro dello stabilimento catanese. Noi, forti del sostegno di centinaia di lavoratrici e lavoratori che oggi hanno manifestato dinanzi ai cancelli aziendali, continuiamo a sollecitare un confronto. Pfizer può e deve diversificare le produzioni. Siano vaccini o altri farmaci, qui esistono risorse umane e professionali all’altezza del compito”. I sindacati hanno promosso oggi un presidio davanti il sito del capoluogo etneo dell’azienda.

In una nota, i sindacati hanno segnalato “l’inquietante chiusura dei vertici della multinazionale del farmaco a ogni interlocuzione sulle prospettive del sito catanese, oggi messe a rischio dalla scelta societaria di non investire in nuove linee per compensare la perdita di sbocchi di mercato per le produzioni storiche che sono attualmente realizzate a Catania”.

“In assenza di un qualsiasi piano industriale – aggiungono le tre sigle sindacali – siamo preoccupati perché si fanno sempre più insistenti le notizie secondo le quali già nel 2022 i volumi di lavorazione non consentiranno di mantenere i livelli occupazionali. Noi abbiamo chiesto un incontro urgentissimo con i vertici aziendali a tutti i livelli per fugare tali e tanti incertezze, restituendo così fiducia e serenità nei lavoratori”.

“Attenderemo riscontro sino a mercoledì – annuncia la nota dei sindacati – quindi daremo seguito alla nostra iniziativa di protesta e proposta. Sarebbe inspiegabile, inaccettabile, che la multinazionale perseveri nell’attuale rifiuto a un dialogo da noi sempre favorito anche quando era servito a concordare e applicare i protocolli anti-Covid che hanno salvaguardato salute, fatturato, occupazione. Ora siamo preoccupati, perché manca del tutto il confronto relativo al piano industriale e al futuro stesso dello stabilimento a Catania”. I sindacati chiedono a “Stato, Regione e Comune di farsi sentire e valere: se non ora quando?”.

Notizie correlate: Catania. Preoccupazione del sindacati per il futuro della Pfizer, tra delocalizzazioni e nuovi hub

Video. Pfizer, sit-in lavoratori contro ipotesi delocalizzazioni

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button