Tar Toscana, legittimo ampliamento della distribuzione diretta. Nocentini: per farmacie situazione insostenibile

Tar Toscana, legittimo ampliamento della distribuzione diretta. Nocentini: per farmacie situazione insostenibile

Lasciarsi è difficile da fare 

PORTLAND, Oregon – Un nuovo rapporto suggerisce che la migliore assistenza sanitaria e le significative riduzioni dei costi dei farmaci potrebbero essere raggiunti rompendo il secolare rapporto tra medici e Informatori Scientifici del Farmaco che promuovono i farmaci più nuovi, più costosi e spesso inutili.
Questo sistema, (che è in vigore da decenni), in un solo colpo porta benefici ai  medici tenendoli aggiornati su nuovi farmaci, fornisce una generosa quantità di campioni "gratuiti" per ottenere pazienti che hanno iniziato con i più nuovi farmaci, nonché fornire altri materiali e regali.
Ma in realtà è un processo di marketing potente, in cui l’industria farmaceutica versa decine di miliardi di dollari l’anno, con più di 90.000 ISF che fornisconoi regali e consigli. C’è un ISF ogni otto medici negli Stati Uniti. Gli esperti dicono che questo non necessariamente serve i migliori interessi del paziente in termini di economia, efficacia, sicurezza o di precisione delle informazioni.
In una delle prime segnalazioni di questo tipo – dal titolo "Lasciarsi è difficile da fare" – i ricercatori della Oregon State University, Oregon Health & Science University e l’Università di Washington hanno delineato il processo intenzionale che una Clinica Medica dell’Oregon ha attraversato per rimuovere gli ISF dalla loro pratica. Si sono esplorati gli ostacoli che hanno dovuto affrontare e alla fine il risultato è stato un successo. I risultati sono stati appena pubblicati sul Journal of American Board of Family Medicine.
Lo studio ha trovato che evitare i conflitti di interesse e diventare "pharma-free" è possibile, ma non facile.
"Questo è un cambiamento culturale, che sta già accadendo, ma ha ancora ha molta strada da fare, soprattutto negli studi privati ??più piccoli", ha detto il dottor David Evans, ora al Dipartimento di Medicina della Famiglia presso l’Università di Washington, e in precedenza un medico a “Madras”, clinica dell’Oregon descritta nell’articolo.
"Il rapporto tra  medici e ISF va generazioni indietro, e ci è voluto una metodologica ed organizzata campagna per cambiare", ha detto Evans. "Abbiamo infine deciso che  qualcosa doveva essere fatto quando il nostro ambulatorio medico è stato visitato da 199 ISF volte in sei mesi. Quel numero era sconcertante."
Parte di quello che ha permesso il cambio, hanno detto i ricercatori, è che le informazioni sui nuovi farmaci è ora disponibile in molti altri forum. Questi forum possono avere meno pregiudizi ed essere basati più sull’esperienza che non il materiale tradizionalmente fornito dall’industria farmaceutica che voleva vendere l’ultimo prodotto. Nella clinica Madras, i medici hanno sostituito l’informazione fornita in precedenza dagli ISF con incontri mensili per rimanere aggio

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!