News

Johnson & Johnson crea un partner aziendale che subito dopo dichiara fallimento

Trucco legale affinché le cause intentate per la presunta cancerogenicità del talco potessero essere considerate con un accordo fallimentare in un unico contenzioso

Ecco perché Johnson & Johnson sta stabilendo un trust da $2 miliardi

Corriere quotidiano – 15 ottobre 2021

Johnson & Johnson (NYSE: JNJ) ha dichiarato bancarotta a causa dei suoi obblighi per decine di migliaia di casi che collegavano prodotti a base di talco al cancro. La società spera che l’azione contribuirà a promuovere un risarcimento per danni personali.

Il partner aziendale di Johnson & Johnson dichiara bancarotta

Giovedì, Johnson & Johnson ha affermato che un partner aziendale con responsabilità legate al talco ha chiesto la protezione dal fallimento del capitolo 11 presso il tribunale fallimentare degli Stati Uniti a Charlotte, NC. Questo è un cambiamento nel panorama della causa lunga anni sul fatto che il suo talco per neonati abbia causato avvelenamento da amianto, cancro alle ovaie e altre malattie. La società sostiene che la polvere è sicura e non contiene amianto, anche se l’anno scorso hanno smesso di distribuirla.

Sebbene J&J non abbia presentato istanza di fallimento, è l’ultima società ad utilizzare il capitolo 11 per risolvere un numero enorme di reclami su merci difettose o altri presunti danni.

Negli ultimi cinque anni, i costi di Johnson & Johnson hanno raggiunto $1 miliardo, con documenti del tribunale che mostrano che i verdetti e gli accordi sono stati di circa $3,5 miliardi. Il passaggio a presentare istanza di fallimento significa che la società eviterà ulteriori processi ed è un’opportunità per mettere dietro tutti i casi di talco tramite un accordo fallimentare. Andy Birchfield, un avvocato specializzato in lesioni nelle richieste di talco contro la società, ha dichiarato:

“Questa cosa puzza. Affermano che il loro prodotto è sicuro e poi tentano di nascondersi dietro la bancarotta. Ecco un altro esempio di ricchi e potenti che usano la bancarotta come nascondiglio per proteggere i loro profitti ed evitare le responsabilità”.

Johnson & Johnson stabilirà un trust da $2 miliardi per gli accordi

A luglio Wall Street ha riferito che la società aveva cercato servizi di avvocati fallimentari per esplorare le sue alternative. Tuttavia, gli avvocati hanno criticato i piani affermando in un deposito del tribunale che avrebbe abusato del capitolo 11 per entità fiorenti come Johnson & Johnson per evitare la responsabilità nel sistema giudiziario.

La società ha affermato che stava offrendo supporto finanziario per un piano di compensazione per l’insediamento. Secondo il Wall Street Journal, la società coprirà gli importi che il tribunale determinerà siano dovuti dai partner in bancarotta e J&J stabilirà un fondo fiduciario di $2 miliardi a tale scopo. L’EVP (Employee Value Proposition) e consigliere generale di Johnson & Johnson, Michael Ullmann, ha dichiarato:

“Stiamo intraprendendo queste azioni per portare certezza a tutte le parti coinvolte nei casi di talco cosmetico”.


Nota: Il capitolo 11 è una forma di fallimento che comporta una riorganizzazione degli affari, dei debiti e dei beni di un debitore, e per questo motivo è noto come fallimento di “riorganizzazione”. È grossomodo equivalente all’amministrazione controllata un tempo prevista nella legislazione italiana e reintrodotta dal Decreto Sviluppo (Decreto Legge 22.06.2012 n° 83). Quando un imprenditore negli Stati Uniti non è in grado di onorare i suoi debiti, quest’ultimo o i suoi creditori possono chiedere a una corte federale la protezione prevista dal Chapter 7 (liquidazione) o dal Chapter 11. Chapter 11 è una procedura di riorganizzazione e non di liquidazione. Il suo scopo è quindi quello di risanare l’impresa. A tale scopo viene impostato un piano che nel giro di alcuni mesi o anche anni, a seconda della dimensione e della complessità della procedura, dovrebbe risanare la situazione e far uscire l’impresa dal Chapter 11. Il piano di risanamento deve essere proposto dall’impresa stessa e approvato dal giudice. Nel caso in cui un piano non venga accettato o non si riesca a portarlo avanti il giudice può convertire la procedura nel Chapter 7 e iniziare la liquidazione.

Notizie correlate: Reuters. J&J puts talc liabilities into bankruptcy

Chapter 11

 

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button