News

Svizzera. Farmaci in vendita anche sfusi

La proposta merita di essere testata, secondo il Nazionale

venerdì 15/12/17 10:17 – RSI

Il Consiglio nazionale ritiene sia giunta l’ora di avviare una fase di test per la vendita di farmaci sfusi, già sperimentata con successo in Francia. Nell’ultimo giorno della sessione, venerdì, i deputati hanno accolto tacitamente una mozione di Manuel Tornare (PS/GE). Gli Stati si devono ancora esprimere.

Il testo sottolinea la problematica dello spreco di medicinali. Secondo l’Ufficio federale dell’ambiente, il 30% di quelli acquistati in Svizzera non viene consumato. Tornare sostiene che “i vantaggi di una vendita sfusa sono evidenti”, poiché oltre allo spreco verrebbe ridotto il rischio di automedicazione con le pastiglie rimaste nella confezione. Senza contare, poi, i notevoli risparmi anche per le assicurazioni malattie.

L’idea non era combattuta da nessun parlamentare e anche il Governo si è detto favorevole, condividendo principio secondo il quale la vendita di farmaci dovrebbe corrispondere il più possibile al consumo effettivo. In particolare gli antibiotici, se usati in un secondo tempo senza prescrizione, rischiano di aumentare le resistenze.

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button
Fedaiisf Federazione delle Associazioni Italiane degli Informatori Scientifici del Farmaco e del Parafarmaco