News

Valeant e i timori di una «nuova Enron»

Il colosso farmaceutico Valeant, con sede in Canada, è oggi nella bufera come poche società prima di lei, con accuse che fioccano sulle sue pratiche di business e le aggressive acquisizioni che l’hanno fatto paragonare a un impero finanziario senza scrupoli piuttosto che a un’azienda impegnata nella medicina: il titolo in una settimana è crollato del 27%, bruciando in una seduta quasi venti miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato.

A luglio Valeant viaggiava ai massimi di 263 dollari per azione, culmine per un titolo decuplicato in cinque anni. Sette giorni or sono valeva ancora 180 dollari. Adesso è a 116 dollari – abbastanza per una market cap da 40 miliardi anche se caduta del 60% dalle vette – dopo essere crollato fino a 80.

Andrew Left, forse il più influente e controverso short seller statunitense, pubblica rapporti in cui sospetta che Valeant abbia abusato di stretti legami con farmacie specializzate, Philidor Rx e R&O Pharmacies, creando vendite e transazioni fasulle sui prodotti. Un inganno contabile, insomma, alla Enron: il j’accuse parla di truffa, fatture fasulle di Valeant attraverso catene di farmacie che controlla, gonfiando ad arte i bilanci.

C’è però ben di più in gioco, un intero nuovo modello per la farmaceutica: Valeant, che ha quasi tre miliardi di fatturato trimestrale, è stata il pioniere di una strategia opportunistica fondata sull’acquisto di rivali, da Bausch & Lomb nel 2013 a Salix quest’anno per 14,5 miliardi, mirata a spremere rapidi profitti con tagli di ricerca e posti di lavoro e aumenti dei prezzi dei prodotti. Un atteggiamento da far-west finanziario che si sta facendo strada tra le polemiche: di recente l’ex gestore di hedge fund Martin Shkreli, fondatore di Turing Pharmaceuticals, ha acquistato un farmaco per l’Aids alzandone il prezzo da 13,50 dollari a pillola a 750. La cura, per le aziende, non può essere ora comprata facilmente: si chiama trasparenza.

I sospetti hanno costretto il gruppo a convocare per domani all’alba, prima della riapertura della Borsa, una conference call per provare a rassicurare gli investitori. Non sarà facile.

Estratto da Il Sole 24ORE del 25 ottobre 2015 di Marco Valsania

Notizie correlate: Aids, addio a medicine costose: in arrivo un nuovo farmaco al prezzo di 1 dollaro

Valeant, sotto accusa, apre un’inchiesta interna. Il titolo cade ancora 26 ottobre 2015

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button
Fedaiisf Federazione delle Associazioni Italiane degli Informatori Scientifici del Farmaco e del Parafarmaco