News

Azioni UCB, dopo mesi di aumenti contenuti, ha lasciato il percorso verso l’alto

Il titolo della società belga è scambiato leggermente al di sotto del prezzo di chiusura del 2014

Sábado, 23 de Mayo de 2015 – EL GLOBAL

Il titolo di UCB è quotato a € 62,4, raggiungendo una zona cuscinetto all’interno del suo campo di variazione dello scorso anno. La sua evoluzione in questo periodo è iniziata con un movimento rialzista che lo ha portato a segnare il suo massimo annuale a fine agosto raggiungendo oltre 75 euro. Dopo aver perso nei mesi successivi gran parte del guadagno accumulato, la società, con sede a Bruxelles, ha iniziato a dicembre una fase di graduale ripresa che sembra essere giunta al termine nelle ultime settimane.

UCB attualmente si muove leggermente al di sotto del prezzo di chiusura 2014, mentre su base annua mostra un guadagno del 13 per cento.

Gli ultimi risultati pubblicati corrispondono alla chiusura del primo trimestre di quest’anno. I ricavi ammontano a € 895.000.000, con una crescita del 19 per cento (11 per cento depurato dall’impatto positivo dei tassi di cambio). Tra i suoi principali farmaci si distinguono Cimzia, Vimpat e Neupro con una crescita complessiva di vendite del 36 per cento (20 per cento rapportato al tasso di cambio); questi tre farmaci insieme con Keppra hanno generato il 70 per cento delle vendite del gruppo.

Le proiezioni stimate dall’azienda calcolano che Cimzia ha il potenziale per raggiungere vendite annuali future di 1.500 milioni di euro, 1.200 Vimpat e Neupro 400.000.000 €.

Current Stock Chart for UCB SA (UCB)Per aree geografiche i suoi due mercati principali sono Europa e Nord America, con una incidenza simile sul fatturato totale, il 39 per cento ciascuno, anche se il secondo presenta una migliore performance: crescita del 12 per cento rispetto al 3 il primo cento. I principali paesi emergenti hanno rappresentato l’ 11 per cento del fatturato mentre il Giappone ha generato il 7 per cento.

La sezione ricerca e sviluppo di questo gruppo ha investito nel primo trimestre 928 milioni di euro, 5 per cento in più rispetto all’anno precedente, con una incidenza sul fatturato del 28%, nettamente superiore alla media del settore.

UCB ha chiuso il primo trimestre con un profitto di 199 milioni di euro, con un aumento del 37 per cento rispetto all’anno precedente (51 per cento corretto dall’impatto del tasso di cambio).

Il gruppo prevede di chiudere il 2015 con vendite che potrebbero raggiungere 3.600 milioni di euro, mentre l’EBITDA (utile prima di interessi, ammortamenti e tasse) potrebbe ammontare a 740 milioni di euro.

Guardando avanti al suo comportamento futuro in borsa la società belga sembra ora essersi collocato in una fase di instabilità che potrebbe portare ad un periodo di consolidamento dopo l’alto valore aggiunto che ha accumulato negli ultimi anni (dal 2010 ha triplicato il suo valore in borsa).

 

UCB Announces Sales Results for the First Quarter of 2015; Confirms Financial Outlook for 2015

UCB announced sales results for the first quarter of 2015. For the quarter, the company reported revenue of EUR 895 million, a plus of 19% driven by the strong growth of Cimzia®, Vimpat® and Neupro® with combined net sales of EUR 433 million, while Keppra® reached EUR 190 million, the four medicines together represent 70% of UCB’s revenue in the first quarter 2015. The company also confirmed financial outlook for 2015. For 2015, the company expects the continued growth of Cimzia®, Vimpat®, Neupro® to drive overall company growth. 2015 revenue should reach approximately EUR 3.55 billion to EUR 3.65 billion; recurring EBITDA should increase to approximately EUR 710 million to EUR 740 million. Core earnings per share (EPS) are expected in the range of EUR 1.90 to EUR 2.05 based on an average of 193.7 million shares outstanding.

 

Roch DoliveuxRoch Doliveux ha lasciato il ruolo di CEO UCB dal 31 dicembre 2014

 

 

 

JJean-Christophe Tellierean-Christophe Tellier, che ha sostituito Roch Doliveux il 1 ° gennaio, è entrato in azienda nel 2011 e ha contribuito alla creazione e alla crescita di Cimzia , Vimpat e Neuprol, ora i farmaci più importanti di UCB.

 

 

N.d.R.: L’UCB Italia a fine 2008 ha messo in mobilità tutti gli ISF della “primary care”.

Notizie correlate: UCB. Da marzo il muovo CEO: Jean-Christophe Tellier

UCB vende il business dei generici in Usa per 1,53 miliardi

UCB è attualmente vicino al suo massimo storico dopo un anno di apprezzamento del 30%

Farmaceutica: Ucb cede siti produzione in Italia e Germania

Ucb esce dal mercato Primary Care americano

UCB taglia 2 mila posti

UCB PHARMA: 189 persone in mobilità

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button
Fedaiisf Federazione delle Associazioni Italiane degli Informatori Scientifici del Farmaco e del Parafarmaco