Primo Piano

“Epatite C, superfarmaco troppo costoso”. Cinque Paesi fanno causa al produttore

Sul Sofosbuvir, che guarisce dalla malattia ma ha un costo proibitivo, scoppia un caso internazionale. Argentina, Brasile, Ucraina, Cina e Russia si muovono grazie a una ong statunitense. In Italia è polemica tra la Toscana, che vuole ritrattare da sè il costo del medicinale per i suoi cittadini, e l’Aifa, pronta a impugnare la delibera della Regione e a presentare un esposto penale

di MICHELE BOCCI – la Repubblica.it Salute  20/05/2015

ROMA – Alcuni Paesi non accettano i costi altissimi del sofosbuvir, il farmaco della Gilead Science in grado di sconfiggere una malattia diffusissima come l’epatite C. E così stanno partendo delle cause alla casa farmaceutica a opera di una ong statunitense “Initiative for medicines, access and knowledge”. Le iniziative giudiziarie stanno partendo da alcuni grandi Stati a medio reddito, cioè Argentina, Brasile, Cina, Ucraina e Russia, come spiega il New York Times.

Per i Paesi più poveri, il medicinale sarà prodotto a basso costo in India e venduto in 91 paesi in via di sviluppo. Ma diverse nazioni che la Banca Mondiale considera ad alto reddito sono fuori da questo accordo anche se non possono permettersi la terapia. E così partono le cause. Per trattare i 40 milioni di pazienti di questi cinque Paesi fa notare l’Ong, servirebbero 270 miliardi di dollari. Per questo l’associazione ha deciso di intentare una causa contro il riconoscimento del brevetto in questo gruppo di paesi. “In questo momento ci sono persone che hanno bisogno del farmaco e non lo stanno avendo, o non lo avranno in tempi brevi – spiega Priti Radhakrishnan, fondatore dell’associazione – . Se non ci fosse il brevetto si potrebbe vendere la versione generica da 1000 dollari anche in questi paesi”.

In Italia la questione Sofosbuvir è tornata all’attenzione del mondo sanitario dopo l’annuncio del presidente della Regoone Toscana, Enrico Rossi, di voler trattare i prezzi con i produttori dei vari nuovi medicinali anti-epatite per spuntare prezzi più bassi di quelli ottenuti dall’Aifa e “curare tutti i 26mila malati di epatite toscani”. L’iniziativa ha fatto infuriare il direttore dell’Aifa, Luca Pani, e addirittura dall’Agenzia del farmaco starebbero per partire ricorsi contro la delibera toscana che dispone di fare una gara tra le aziende farmaceutiche e persino una denuncia penale.

Aifa vuole l’esclusiva della trattativa, ma la Toscana non intende fermarsi, perché la legge permette alle Regioni di rinegoziare il prezzo dei farmaci. Su questa operazione avanza dei dubbi l’associazione di malati Epac, che chiede come farà la Regione di Rossi a portare in fondo l’iniziativa e esprime delle riserve anche sulla bontà del lavoro fatto da Aifa. Inoltre l’associazione segnala il rischio che la Toscana diventi meta dei tantissimi malati di altre regioni che non stanno nella lista di coloro che hanno diritto a prendere subito il sofosbuvir; lista stilata sulla base della gravità della malattia.

John C. Martin, 62 anni, Chairman and Chief Executive Officer di Gilead Sciences Inc., nel corso dell’anno fiscale 2014 ha percepito un compenso totale di $ 18.957.994

 

 

 

Notizia correlata: Dichiarazione AIFA su Sovaldi. Guariniello: “Lesioni colpose e omissione di cure”

Epatite C, in Toscana farmaco gratuito a tutti i 26.000 pazienti

Epatite C. Il grande dilemma: abbiamo i farmaci per stroncarla ma non i soldi per comprarli per tutti.

Current Stock Chart for GILEAD SCIENCES INC (GILD)

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button