News

Giulia Grillo verso l’addio al ministero della Salute?

Giulia Grillo verso l’addio al ministero della Salute: il rimpasto, Luigi Di Maio vuole la sua testa

Libero Quotidiano – 23 settembre 2018

Gira una clamorosa voce sul governo gialloverde: si parla del primo rimpasto. Della vicenda dà conto La Stampa, che spiega come Luigi Di Maio voglia la testa della sua ministra della Salute, Giulia Grillo, il cui addio al dicastero è sempre più vicino. L’insoddisfazione nei suoi confronti cova da tempo tra i piani alti pentastellati; nelle ultima settimane le difficoltà della Grillo sono diventate ancor più evidenti. “Così non va. Troppi errori, troppa confusione“, si sarebbe sfogato con i suoi.

L’ultimo guaio? La nomina del nuovo direttore generale dell’Agenzia italiana del farmaco, Luca Li Bassi (nella foto a destra), che risale al 5 settembre: da allora, la firma del nuovo dg non è mai arrivata. Ufficialmente si sta lavorando “al contratto di lavoro”. Ma tra le stanze del ministero si parla di un ripensamento di Li Bassi, il quale nutrirebbe forti dubbi sulle prospettive di lavoro. Ma non solo. Negli ultimi giorni si sono dimessi il portavoce e il capo di gabinetto della Grillo, altri due segnali del fatto che la ministra è davvero in bilico.

Insomma, il rimpastino si starebbe inesorabilmente avvicinando, con la Grillo “spinta” via dal dicastero. Al suo posto, si sussurra, sarebbe già pronto Armando Bertolazzi, attuale sottosegretario alla Salute, proposto prima del voto da Di Maio proprio come ministro.

Notizie correlate: La Ministra Grillo traballa. In arrivo il primo rimpasto

Ministra Grillo istituisce il tavolo su governance farmaci e dispositivi. (A volte ritornano)

Giulia Grillo. “Tagli agli sprechi sui farmaci: così aboliremo il superticket” (Coi generici)

Nota: Armando Bartolazzi (Roma, 11 febbraio 1961) è laureato in medicina e chirurgia alla Sapienza di Roma, si è specializzato in patologia clinica con indirizzo sperimentale nel 1991 e istologia ed anatomia patologica nel 1999. Patologo all’Azienda ospedaliero-universitaria Sant’Andrea di Roma, si è occupato in particolare di tumori della tiroide.
Prima delle elezioni politiche del 2018 è stato presentato come eventuale Ministro della salute di un eventuale governo Di Maio. Il 13 giugno viene nominato sottosegretario alla salute del Governo Conte

 

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button