News

La reputazione delle aziende farmaceutiche vista dai pazienti

Sul podio ViiV, Roche e AbbVie

L’industria farmaceutica è il settore in ambito sanitario con la migliore reputazione giudicata dal punto di vista dei pazienti. Ce lo dice l’ultimo rapporto della società di ricerca britannica Patient View, che ha interpellato 1.850 associazioni di pazienti di tutto il mondo. In vetta alla classifica, che include 48 aziende, ci sono ViiV, che per il settimo anno consecutivo conquista il primato, seguita da Roche e Abbvie.

Pharmastar – Elisa Spelta – 22 aprile 2020

L’industria farmaceutica è il settore in ambito sanitario con la migliore reputazione giudicata dal punto di vista dei pazienti. Meglio del biotech o delle farmacie, delle società di generici e delle assicurazioni sanitarie. Ce lo dice l’ultimo rapporto della società di ricerca britannica Patient View, che ha interpellato 1.850 associazioni di pazienti di tutto il mondo.

Nel 2019, il 46% dei gruppi di pazienti intervistati ha giudicato “eccellente” o “buona” la reputazione di Big Pharma, contro il 41% del 2018. In vetta alla classifica, che include 48 aziende, ci sono ViiV, che per il settimo anno consecutivo conquista il primato, seguita da Roche e Abbvie.

La reputazione delle imprese farmaceutiche 
Realizzata tra novembre 2019 e febbraio 2020, l’indagine ha valutato la reputazione di 48 aziende farmaceutiche in relazione a 12 indicatori chiave, tra cui centralità del paziente, informazione, sicurezza, qualità dei prodotti, trasparenza (su politiche di prezzo, finanziamenti verso stakeholder, studi clinici), integrità, qualità della relazione con il paziente, fornitura di servizi e coinvolgimento del paziente nella ricerca e nello sviluppo.

Delle 48 aziende analizzate, otto fornito una serie di informazioni sulle loro strategie incentrate sul paziente e i loro progetti condotti nel 2019 o pianificati per il 2020 per migliorare la loro reputazione dal punto di vista dei pazienti.
Queste 8 aziende sono: Boehringer Ingelheim, Gilead Sciences, Ipsen, Lundbeck (US division), Merck KGaA/EMD Serono, Novartis, Pfizer e ViiV Healthcare

In generale, i gruppi di pazienti intervistati hanno assegnato alle aziende farmaceutiche il primo posto in termini di reputazione complessiva su 9 settori in ambito sanitario, come ad esempio le aziende biotecnologiche, di farmaci generici, di apparecchiature mediche, assicurazioni sanitarie, farmacie, ecc.. Nel 2018, la reputazione di Big Pharma si collocava al terzo posto.

I gruppi di pazienti intervistati hanno inoltre dichiarato che le prestazioni dell’industria farmaceutica in attività importanti per i pazienti sono migliorate soprattutto a partire dal 2018. Le attività ritenute più importanti per i pazienti sono state: produzione di farmaci di qualità elevata (per il 53% dei pazienti), garantire un elevato grado di sicurezza (49%), essere innovativi (48%).

I gruppi di pazienti intervistati hanno chiaramente percepito che l’industria farmaceutica, nonostante i miglioramenti apportati, ha ancora margini di miglioramento, in particolare in alcune aree quali: trasparenza, coinvolgimento dei pazienti nella R&S e politica sulla equità dei prezzi.

Le aziende con la migliore reputazione
Anche quest’anno, ViiV Healthcare, la società britannica specializzata nei farmaci per l’Hiv,  si classifica al primo posto secondo i 205 gruppi di pazienti che hanno dichiarato di avere familiarità con l’azienda. Dal 2013, la società mantiene salda la prima posizione nella classifica di PatientView.

Roche si classifica in seconda posizione secondo i 1.155 gruppi di pazienti intervistati. Nel 2018, si era classificata al 6° posto. La valutazione generale di Roche del 2019 è la più alta raggiunta dall’azienda nei nove anni in cui PatientView ha condotto l’indagine “Corporate-Reputation”.

Al terzo posto troviamo Abbvie, secondo i 708 gruppi di pazienti intervistati che la conoscono (rispetto al 5° posto del 2018).

Altre aziende hanno mantenuto una crescita graduale, ma continua, come AstraZeneca, che ha fatto il più grande salto nella classifica generale per la reputazione aziendale. Nel 2019, l’azienda si è classificata al 13° posto su 48 aziende, secondo gli 805 gruppi di pazienti che la conoscono, con un aumento di 16 posti sul 29° posto nel 2018.

CSL Behring è salita di 15 posizioni nella classifica ‘Corporate-Reputation’. I 226 gruppi di pazienti che hanno familiarità con la società hanno classificato l’azienda al 17° posto nel 2019, rispetto al 32° posto del 2018.
Boehringer Ingelheim, Bristol Myers Squibb, Sanofi e Servier hanno continuato a crescere in modo costante negli ultimi anni.

Quali sono le associazioni di pazienti che hanno partecipato
In tutto, sono state contattate1,850 associazioni provenienti da 95 Paesi che complessivamente, coprono 124 aree terapeutiche: patologie autoimmuni, disturbi emorragici, cancro, HIV/AIDS, salute mentale, neurologia,  malattie rare, malattie respiratorie  e altro ancora.

Tra i Paesi partecipanti: Canada, Germania, Italia, Asia, Spagna, Regno Unito e Usa.
Per il 62% si tratta di società di pazienti attive in un solo Paese e per l’8% di società di livello internazionale. Su 1860, 1234 (67%) hanno avuto rapporti di collaborazione con imprese del farmaco.

Comunicato stampa di Patient View

 

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button