Regno Unito. Test vaccino anti Covid su volontari infettati deliberatamente

Regno Unito. Test vaccino anti Covid su volontari infettati deliberatamente

Regno Unito “infetta deliberatamente” volontari con il coronavirus per testare il vaccino anti-COVID

sputniknews – 24 settembre 2020

In precedenza, gli studi sui vaccini congiunti tra AstraZeneca e l’Università di Oxford sono stati interrotti a causa di una malattia neurologica inspiegabile emersa tra i partecipanti al test al vaccino.

Il Regno Unito è destinato a essere il primo paese al mondo a testare un vaccino contro il coronavirus infettando volontari sani con Sars-Cov-2, secondo quanto riportato dal Financial Times, citando diverse persone coinvolte nello studio.

Nei cosiddetti “COVID-19 human challenge trials”, che saranno finanziati dal governo del Regno Unito, i partecipanti riceveranno il vaccino e poi, circa un mese dopo, una dose di Sars-Cov-2 che normalmente causa la malattia correlata al coronavirus.

Gli studi, che sono più controversi degli studi tradizionali, sono destinati a “svolgere un ruolo vitale nel restringere l’ampio campo dei vaccini COVID-19”, secondo il rapporto, fondamentalmente valutando direttamente la loro efficacia.

Secondo quanto riferito, il progetto sarà realizzato in una struttura di quarantena di sicurezza gestita da hVivo, che si trova a Whitechapel, Londra e dovrebbe essere avviata a gennaio. Le condizioni delle persone coinvolte nello studio saranno monitorate, poiché quasi 2mila partecipanti si sono già registrati per le prove nel solo Regno Unito attraverso 1Day Sooner, un progetto con sede negli Stati Uniti.

Secondo fonti a conoscenza della questione, l’annuncio corrispondente dovrebbe essere fatto la prossima settimana.

L’agenzia britannica per la regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari ha dichiarato al FT che tali studi “possono essere utili per lo sviluppo di vaccini e possono fornire prove precoci di efficacia clinica, in particolare quando ci sono bassi tassi di infezione del virus nella popolazione”.

“La sicurezza dei partecipanti alla sperimentazione è la nostra massima priorità e qualsiasi proposta da parte di uno sviluppatore d’includere l’inoculazione del virus come parte di una sperimentazione clinica per lo sviluppo di un vaccino sarebbe considerata in base al rapporto rischio-beneficio, con rischi monitorati e ridotti al minimo”, ha detto l’agenzia in una dichiarazione.

Secondo il FT, i precedenti partecipanti agli studi sull’influenza di hVivo hanno ricevuto un pagamento fino a £ 3.750 ($ 4.764), ma il rimborso per la ricerca COVID-19 potrebbe essere molto più alto a causa del periodo più lungo d’isolamento dei partecipanti, tuttavia, il la somma esatta rimane sconosciuta.

L’interruzione dei test di AstraZeneca

Il terzo ciclo di test per il vaccino anti-coronavirus AstraZeneca è stato interrotto dopo che in uno dei volontari nel Regno Unito è apparsa una reazione avversa.

In particolare secondo il portavoce di AstraZeneca, il “processo di revisione standard ha portato a una pausa per la vaccinazione per consentire la revisione dei dati sulla sicurezza”. La natura del possibile effetto collaterale non è stata immediatamente stabilita, con rapporti che lo descrivono solo come un “effetto potenzialmente inspiegabile”.

Successivamente la compagnia farmaceutica AstraZeneca ha annunciato di aver ripreso le sperimentazioni cliniche del vaccino contro COVID-19 dopo aver ricevuto l’autorizzazione delle autorità britanniche a seguito della comparsa di una reazione avversa in un volontario.

Il vaccino russo Sputnik V

L’11 agosto l’Istituto russo Gamaleya ha registrato ufficialmente il primo vaccino anti Covid al mondo, denominato Sputnik V, dopo che i risultati delle prime due fasi di test avevano dimostrato che il preparato è stato in grado di sviluppare l’immunità contro il virus in tutti i volontari coinvolti nei test.

Attualmente la Russia sta conducendo la terza fase degli studi clinici post-registrazione del farmaco, che coinvolgono circa 2.000 persone.

Il vaccino Sputnik V è di tipo vettore adenovirale e viene somministrato in due dosi a distanza di 3 settimane.

Il Fondo Russo per gli investimenti diretti, RDIF, promotore della ricerca ha già annunciato l’intenzione di produrre 500 milioni di dosi del vaccino nel prossimo anno, con la produzione e le sperimentazioni cliniche previste anche in altri cinque paesi.

All’inizio di settembre, l’autorevole rivista medica The Lancet ha pubblicato i risultati degli studi di Fase 1 e Fase 2 del vaccino russo Sputnik V, concludendo che il farmaco russo è sicuro ed efficace e che gli scienziati non hanno riscontrato alcuna seria controindicazione generata da esso.

Notizie correlate: Covid, da Johnson & Johnson la fase 3 del vaccino

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!