News fedaiisf

AIISF Modena ricorda un grande medico: Franco Furini

Ieri ci ha lasciato un grande medico nonché amico di tutti, dai bambini agli anziani e a noi informatori. Una grande persona dentro e fuori da un cuore immenso.

Credetemi, chi lo ha conosciuto fino in fondo ha saputo apprezzare ogni suo lato del carattere ma soprattutto la sua immensa disponibilità verso gli altri. Era una persona che non abbiamo mai visto triste, sempre con il sorriso stampato in faccia pronto a trasmettere gioia e serenità al prossimo. Lo ricordiamo tutti così sempre sorridente, carico, dinamico, eclettico, spiritoso.

Se una giornata era nata storta, se andavi a trovare Franco la giornata, come per magia, tornava a risplendere.

Ci mancherai tanto, non ti dimenticheremo mai. Arrivederci caro Franco un abbraccio da tutti noi

Gli Informatori Scientifici della sezione Aiisf federata FEDAIISF di Modena

__________________________________________________


Campogalliano, muore a 5 mesi dall’incidente in bici il medico Furini

Furini era stato vittima di un incidente il pomeriggio del 24 aprile mentre in bicicletta scendeva dalla Pietra di Bismantova

La Pressa – 12 ottobre 2021

Lutto nel mondo della medicina. E’ morto ieri a 67 anni il dottore modenese Franco Furini, era medico di famiglia di Campogalliano, ancora in attività. Furini era stato vittima di un incidente il pomeriggio del 24 aprile mentre in bicicletta scendeva dalla Pietra di Bismantova verso Castelnuovo Monti. Rovinato a terra privo di sensi venne trasportato in ospedale ma non si è più ripreso.

‘Franco era una persona che riuniva in se tantissime qualità che difficilmente si riscontrano in un essere umano – lo ricorda il pediatra di Massa Finalese Guio Venturini che si trovava insieme a lui il giorno dell’incidente -. Era molto intelligente, coltissimo, appassionato di arte, affamato di cultura e di tutto ciò che il mondo e la società gli ha offerto. Era assetato delle meraviglie del creato come le albe ed i tramonti oltre ad essere un’atleta di prima grandezza. Non si contano le maratone, le gare ciclistiche, podistiche ed anche sciistiche in cui si è cimentato ottenendo lusinghieri risultati. Ma Franco era soprattutto una persona molto buona, generosa, altruista. In caso di bisogno si faceva in quattro per aiutarti. Chiunque lo chiamasse correva subito ad aiutarlo sia come medico che come amico. Per me è stato un amico, un fratello che mi è sempre stato vicino ed aiutato nei momenti difficili e di sofferenza’.

‘A nome mio e dei protagonisti delle Processioni del Cristo Pellegrino e dell’Associazione nazionale carabinieri lo ricordo con le parole del Signore delle cime – ricorda il dottor Daniele Giovanardi -. Santa Maria, Signora della neve, copri col bianco soffice mantello il nostro amico nostro fratello, su nel Paradiso lascialo andare per le tue montagne’.

Commosso anche il ricordo della Associazione italiana informatori scientifici: ‘Una grande persona, dentro e fuori. Dal cuore immenso’.

 

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button