Primo Piano

Sanofi sopprimerà 600 posti di lavoro in Francia senza licenziamenti

sanofi3Il gruppo farmaceutico ha rivelato oggi una parte del piano di risparmio di 1,5 miliardi di euro annunciato nel mese di novembre. Sanofi prevede che circa 600 posti saranno eliminati nei prossimi tre anni in Francia, senza licenziamenti. L’azienda dovrebbe prendere in considerazione, inoltre, di mettere fine alla sua joint venture di vaccini con Merck.

Il gigante farmaceutico Sanofi ha annunciato oggi che “circa 600 posizioni saranno soppresse in Francia nei prossimi tre anni”. L’azienda martedì mattina ha presentato ai rappresentanti del personale il progetto di ristrutturazione in Francia, che fa parte del piano strategico annunciato 6 novembre 2015 dal direttore generale Olivier Brandicourt.

Il progetto “dovrebbe essere accompagnato da un piano di dimissioni volontarie”. Si baserà “prevalentemente” di congedi per pensionamento (pensionamento anticipato) interamente finanziato da Sanofi e “non ci saranno licenziamenti”, dice Philippe Luscan, vicepresidente incaricato degli affari industriali e capo Sanofi Francia. Inoltre, il piano “non prevede la chiusura di impianti industriali e non avrà alcun impatto sugli effettivi impiegati in ricerca e sviluppo”, ha detto il management di Sanofi.

Nessuna chiusura di impianti

Tale piano è basato sulla nuova organizzazione, presentata lo scorso mese di luglio. L’azienda tricolore d’ora in poi sarà suddivisa in cinque grandi entità globali (GBU) corrispondenti alle cinque aree principali: medicina generale e dei mercati emergenti, specialità mediche (Genzyme), diabete e cardiovascolari, vaccini (Sanofi Pasteur) e salute degli animali (Merial ).

Questa nuova organizzazione, che “si propone di migliorare l’efficacia dei lanci di prodotto, semplifica il processo decisionale e evita duplicazioni di strutture” per far fronte “ad una aumentata pressione concorrenziale a livello mondiale”, che riguarda anche la Francia, che ha 27.000 dipendenti, un quarto dei dipendenti del gruppo. Ma “non si applica a Merial” (farmaci veterinari) che Sanofi conta di cedere alla tedesca Boehringer Ingelheim a fronte della sua grande attività nella sanità pubblica

“Nel leggere l’ordine del giorno, sappiamo che ci saranno piani di conservazione di posti di lavoro in quattro entità ‘: SWI (produzione farmaceutica), SAF (filiale commerciale), SAG (sede centrale) e Pasteur (vaccini). Lunedi notte un rappresentante sindacale aveva detto che a differenza di altre tre entità, Sanofi Pasteur sfugge alla minaccia dei licenziamenti.

L’accordo con il vaccino Merck discussione

Nel corso delle cessioni e piani di riorganizzazione (medica, ricerca e sviluppo …), Sanofi ha rimosso negli ultimi anni diverse migliaia di posti di lavoro in Francia (5.000 dal 2008 in base alla CGT). Tenendo conto delle acquisizioni e assunzioni fatte in parallelo da parte del Gruppo, risulta che 1300 posti di lavoro sono stati persi in Francia tra la fine del 2008 e la fine del 2014, secondo i rapporti annuali.

Sanofi considera, inoltre, di porre fine alla sua joint venture sui vaccini con l’azienda Merck, ha detto un portavoce vicino al gruppo. La joint venture, Sanofi Pasteur MSD, che distribuisce i vaccini in Europa, ha visto i suoi ricavi (330 milioni di € nel primo semestre del 2015) diminuire. E ha un portafoglio di prodotti in fase di sviluppo non sufficientemente rifornito.

Par Armelle Bohineus – Publié le 02/02/2016 – LE FIGARO.fr économie

Notizie correlate: Il CEO di Sanofi licenziato dopo le tensioni nel Consiglio Di Amministrazione

Francia. Sanofi non rinuncia a cedere i suoi vecchi farmaci. Licenziamento per 2600

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button